Berlusconi all’opposizione: lavoriamo insieme

Lunedì
03:26:51
Settembre
23 2002

Berlusconi all’opposizione: lavoriamo insieme

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DALLA SICILIA RIBADISCE: L’ECONOMIA E’ SANA
«Mettiamo da parte il catastrofismo, tanto questo governo non cadrà »

View 132.1K

word 810 read time 4 minutes, 3 Seconds

Il giorno dopo lo «strappo» della Confindustria con il governo, Silvio Berlusconi decide di rispondere con lo stile che gli è più consono: quello dell’imprenditore. Quindi con «concretezza», «pragmatismo», minimizza le critiche del presidente degli industriali D'Amato - «una protesta fisiologica, fanno il loro mestiere» - e cerca invece di stanare l’opposizione con un'offerta di dialogo. Così getta il cuore oltre l’ostacolo e ammette: «Calmiamoci tutti, forse anche noi esageriamo». Il messaggio è chiaro: «Mettiamo da parte il catastrofismo nazionale e lavoriamo per quattro anni insieme, come vogliono i nostri cittadini».

Ma per chiarire che non si tratta del discorso di un premier messo alle corde dalle parti sociali, il Cavaliere ricorda di essere sempre lui a dettare le condizioni: «Questo governo non cadrà , perché il presidente del Consiglio non consentirà che ciò accada».
Dopo lo choc per le accuse da viale dell’Astronomia, Berlusconi non ci sta a farsi mettere in un angolo e invoca «concordia».

Lo fa dalla Sicilia, durante una di quelle visite che più gli piacciono, l’inaugurazione di una condottura realizzata a tempo di record per dare acqua alla sete di Palermo. Un «fatto simbolico», per dimostrare che utilizzando il metodo giusto - in questo caso un comissario delegato con poteri speciali, il prefetto Profili - tutto si può fare. Attorno al presidente, oltre al sottosegretario Paolo Bonaiuti, gli uomini di governo siciliani, cioè i ministri Stefania Prestigiacomo (Pari Oppurtunità ), Enrico La Loggia (Affari regionali) e il viceministro Gianfranco Miccichè.

E poi le istituzioni locali, con il sindaco di Palermo Diego Cammarata, il presidente della Regione Totò Cuffaro (che si riceve un complimento dal Cavaliere per qualche chilo in meno, «vedo giacca ridondante e linea discendente») e quello della Provincia, Francesco Musotto: tutti in piedi, assiepati nella stazione della Polizia Stradale di Buonfornello per una conferenza stampa al volo, tra un elicottero e l’altro, giusto in tempo per i tg della sera. Più defilato, c’è un ex ministro reduce da una «full immersion» con il premier di due giorni, prima a Villa Certosa e poi in Sicilia: un Claudio Scajola sorridente e a suo agio, che potrebbe prepararsi a rientrare non in Forza Italia ma al governo, per l’eventuale «rimpasto» di primavera.


Nei suoi venti minuti di discorso però il Cavaliere non parla di un Berlusconi-bis o di altre «fandonie» del genere, ma cerca di dare un segnale di saldezza, come interpreta il portavoce Bonaiuti, «da una posizione di forza», perché non ci sono alternative a questa maggioranza. E Berlusconi è pronto a fare la sua parte. «Nessuno nasce imparatato presidente del Consiglio», ammette con inconsueta modestia, ma aggiunge: «Ora lo faccio meglio di un anno fa». Così, «con il pieno accordo» del ministro alle Infrastrutture Pietro Lunardi - «è un amico, macchè commissariamento» - annuncia che porrà mano personalmente alle opere pubbliche, almeno una volta alla settimana.

Se non è un nuovo «interim», poco ci manca (anche se lo stesso Lunardi in serata afferma che «il suo supporto sarà fondamentale per riuscire a portare avanti meglio tutte le grandi opere che sono nel nostro programma»). Poi Berlusconi precisa che il suo nuovo impegno partirà entro il mese di ottobre, quando avrà «più tempo, perché avrò trovato il nuovo ministro degli Esteri».


c’è poi il capitolo Finanziaria, il più delicato. Ma il piano di lavoro è già pronto. Tutto si concluderà lunedì 30 settembre, al mattino, quando il Consiglio dei ministri varerà il documento economico. Il giorno dopo, il ministro Tremonti lo presenterà al Quirinale. Se Berlusconi taglia corto sulle voci di un arrivo di Fazio al superministero dell’Economia - «sfiducia per Tremonti? ma quando mai» - avverte però gli alleati che nel weekend gli uffici di via XX settembre preparanno soltanto una «bozza» di Finanziaria, che martedì sarà vagliata nel vertice della Cdl, con varie «opzioni»: dunque, non un documento «blindato» come è stato per il decreto fiscale dell’altro giorno. E la «regia» del vertice, precisa, sarà tutta del premier.


Sul decreto, Berlusconi difende l’operato del governo e alla Confindustria dice: «Accettiamo la protesta, gli imprenditori difendono i loro interessi. Qualcuno bisgona pure toccare». Per poi definire - sul bonus fiscale per le nuove assunzioni definisce - «risibili» le loro perdite: «Giusto gli interessi su un milione e 250 mila lire per ogni assunto, che comunque riceveranno dal primo gennaio 2003». Dunque, «fiducia» è la parola d'ordine, «perché è nostro dovere», come fatto tutti i governo d'Europa. Quanto alla crisi, Berlusconi ripete che l’avvento dell’euro (con gli arrotondamenti e il blocco degli acquisti d'impulso), l’11 settembre, il crollo delle borse («anche io ho dovuto rinunciare ad un acquisto importante per le perdite») hanno creato nuove condizioni non previste, ma conclude: «l’economia è sana».

di Gigi Padovani
inviato a SCILLATO (Palermo)

Source by LA_STAMPA


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Berlusco...o insieme