Il GOVERNO TAGLIA LA SPESA PER LE MEDICINE, MA NON I 4 MILIARDI DI EURO INCASSATI PER LEGGE DAI FARMACISTI

Sabato
17:31:03
Giugno
19 2004

Il GOVERNO TAGLIA LA SPESA PER LE MEDICINE, MA NON I 4 MILIARDI DI EURO INCASSATI PER LEGGE DAI FARMACISTI

Studio shock dell’Osservatorio della terza età sugli utili delle farmacie fissati da un regio decreto

View 133.6K

word 661 read time 3 minutes, 18 Seconds

Roma: L’OSSERVATORIO DELLA TERZA Età CHIEDE LA RIPARTIZIONE DEI SACRIFICI

Taglia destra ed a manca per la spesa farmaceutica, ma nessun sacrificio per i farmacisti italiani. I provvedimenti del governo per abbattere la spesa per le medicine non intaccano i lauti guadagni della categoria, che continua a privilegiare di circa 4 mld di margine, stabiliti da un Regio decreto del 3 marzo 1927. A rivelarlo e’ un’indagine shock del dipartimento economico dell’Osservatorio della terza età , Ageing Society, diretto dal Prof. Andrea Monorchio, che propone il coinvolgimento dei titolari di farmacia, e dei grossiti, nella ripartizione dei sacrifici che il Governo continua a chiedere agli italiani.

Dopo aver fatto registrare un certo rallentamento, nel corso degli ultimi mesi la spesa farmaceutica ha ripreso a crescere vigorosamente. Lo sfondamento dei tetti programmati oggi e’ a carico delle aziende produttrici (60%) e delle regioni (40%). Le prime, costrette a scontare anche le forniture al Ssn, hanno spalmato i mancati introiti pubblici sui farmaci in fascia C (non rimborsabili), così che mentre nel 2003 lo Stato ha speso il 6,2% in meno, gli italiani hanno tirato fuori oltre 1 mld in più. Dal canto loro, invece, le regioni hanno cercato di frenare l’ascesa della spesa con i ticket. La proposta al vaglio dell’esecutivo Berlusconi di tagliare ancora il prezzo dei farmaci acquistati dallo stato rischia, perciò, di aggravare tale scenario, penalizzando soprattutto i consumatori abituali, a partire dagli anziani. Da dire, inoltre, che i provvedimenti sulla filiera del farmaco hanno toccato tutti, (aziende, cittadini, regioni) escludendo, senza motivo, farmacisti e grossisti.

Attualmente il guadagno sulle medicine viene così ripartito: 66,65% alle aziende; il 6,65% ai grossisti e il 26,7% (22,6% per la fascia A rimborsabile) alle farmacie. Un vera e propria miniera per quest’ultimi che si traduce in un “aggio” pari a circa 3,9 miliardi di euro, al netto d’Iva, tra fascia A ( 2,6 mld) e C (1,3 mld). In Italia il numero complessivo delle farmacie risulta di poco superiore alle 16.800 unità , delle quali il 92% private (15.485) ed il restante 8% pubbliche (1.323).

Ognuna di esse conta circa 4 addetti (per un totale di 35 mila occupati) e ha un bacino di utenza media pari a 3.410 abitanti. Considerando solo i prodotti farmaceutici, il fatturato annuo degli esercizi sfiora attualmente i 16,3 miliardi di euro al netto dell’IVA del 10%: di cui 11,5 miliardi di euro derivanti dalla vendita di farmaci rimborsabili dal SSN (fascia A); 4,8 miliardi derivanti dalla vendita di farmaci non rimborsabili, cioè a totale carico del cittadino (fascia C), per un margine medio netto di oltre 230.000 Euro all’anno per farmacia.

Per evitare un ulteriore stangata sui malati, l’Osservatorio della terza età propone di rivedere i guadagni riconosciuti alle farmacie e grossisti, cosa che consentirebbe di scongiurare l’aumento dei prezzi non rimborsabili e la compressione delle prestazioni sanitarie. La manovra, di tipo strutturale, potrebbe generare un risparmio di circa 762 milioni di euro se si abbattesse il margine sui farmaci rimborsabili dal 22,6% al 18% e dal 27 al 22% per quelli non rimborsabili. Il risparmio salirebbe, invece, a 925 milioni di euro, se la diminuzione del margine sui prodotti della fascia A scendesse al 17% e su quelli della fascia C fosse fissata al 21%.

“Invece di far pagare sempre gli stessi " polemizza il Segretario Generale dell’Ote, Roberto Messina " lo stato dovrebbe spalmare i sacrifici su tutte le categorie. E’ un problema di giustizia sociale. Tutta la catena del farmaco deve contribuire per far risparmiare soldi al Ssn, cosa che non e’ avvenuta fino ad oggi e si vuole ancora una volta evitare”. Preannunciando battaglia se il nuovo decreto taglia prezzi dei farmaci verrà approvato dal Consiglio dei Ministri, Messina ha aggiunto: “Abbiamo indetto un Congresso Straordinario e convocato gli stati generali dell’Osservatorio della Terza Età per iniziare una grande mobilitazione. Tutti hanno messo mano al portafogli, e’ ora che lo facciano anche farmacisti e grossisti”.

DUNDAR KESAPLI

Source by UFFICIO__STAMPA


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il GOVER...ARMACISTI