Lunedì
17:39:03
Febbraio
07 2022

Microorganismi fecali nella laguna di Venezia

View 565

word 495 read time 2 minutes, 28 Seconds

Uno studio coordinato dal Cnr-Irbim di Ancona in collaborazione con il Cnr-Igg di Padova ha evidenziato la presenza di diversi tipi di contaminanti, principalmente di origine fecale, nelle acque della laguna di Venezia. Il lavoro è stato pubblicato su Science of the Total Environment

Un mosaico di contaminanti di natura microbica è presente nella laguna di Venezia. Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Science of the Total Environment dall’Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine di Ancona (Irbim) in collaborazione con l’Istituto di geoscienze e georisorse di Padova (Igg) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e la Michigan Technology University (USA), ha rilevato nella laguna di Venezia la presenza di diversi tipi di microorganismi, soprattutto di natura fecale, potenzialmente pericolosi per l’uomo.

“La città di Venezia, con la sua laguna, è oggi una delle principali mete turistiche al mondo, e rappresenta un ambiente unico nel suo genere. Tuttavia, le attività industriali e legate al turismo, così come alcune peculiarità strutturali del centro storico della città, contribuiscono a un progressivo deterioramento dello stato di salute dell’ecosistema lagunare”, spiega Gian Marco Luna, Direttore del #Cnr-Irbim. “Il nostro studio innovativo, basato sull’analisi del DNA ambientale, evidenzia la presenza diffusa di un’ampia varietà di microrganismi di origine fecale e potenzialmente patogeni per l’uomo, un dato che ci invita a pensare alla necessità di adottare un approccio più sostenibile allo sfruttamento di quest’area”.

Il sistema lagunare veneziano ben rappresenta le caratteristiche di molti ecosistemi costieri antropizzati e le nuove tecnologie possono aiutare a ridurre gli effetti delle attività umane. “I nostri risultati mostrano che l’impatto dell’uomo nel fragile ecosistema della laguna di Venezia passa anche attraverso la contaminazione microbiologica, ma ci suggeriscono altresì che le nuove tecnologie di analisi del DNA rappresentano oggi uno strumento potente per mappare questo tipo di inquinamento ambientale, individuarne le possibili sorgenti e per attivare strategie efficaci di riduzione del rischio”, afferma Grazia Quero, ricercatrice presso il Cnr-Irbim.

La stessa tecnologia può essere applicata anche allo studio di altri ecosistemi. “Lo studio apre inoltre alla possibilità di applicare lo stesso approccio basato sull’analisi del DNA ambientale per valutare il grado di contaminazione microbiologica anche in altre aree geografiche, sostenendo la necessità di una sempre maggiore interazione con altre discipline scientifiche, tra cui la modellistica, per meglio comprendere i processi che guidano il destino dei microrganismi patogeni nell’ambiente e per individuare le migliori azioni di mitigazione del fenomeno”, conclude Luca Zaggia, ricercatore del Cnr-Igg.

La scheda

Chi: Cnr-Irbim, Cnr-Igg

Che cosa: Partitioning and sources of microbial pollution in the Venice Lagoon, https://www.scienc...i/S0048969721068315

Per informazioni: Gian Marco Luna, Direttore Cnr-Irbim, direttore@irbim.cnr.it

  • a CNR IRBIM, National Research Council – Institute of Marine Biological Resources and Biotechnologies, Largo Fiera della Pesca, 60125 Ancona, Italy
  • b Department of Biological Sciences, Michigan Technological University, Houghton, MI, United States
  • c CNR IGG, National Research Council – Institute of Geosciences and Earth Resources, Via G. Gradenigo 6, 35131 Padova, Italy

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Microorg...i Venezia