Workshop del Dipartimento di Eccellenza di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale

Domenica
12:52:20
Dicembre
22 2019

Workshop del Dipartimento di Eccellenza di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale

“From molecules to devices”, prima iniziativa congressuale nell’ambito di un progetto del Miur, ha richiamato docenti e studiosi della materia

View 1.4K

word 598 read time 2 minutes, 59 Seconds

Parma - Si è svolto il 6 dicembre scorso all'Università di Parma il Workshop "From molecules to devices", organizzato da Maria Careri, docente di Chimica Analiticanel Dipartimento di Eccellenza di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale dell'Ateneo di Parma e coordinatrice del Gruppo di lavoro "Dalle molecole ai dispositivi", istituito nell'ambito di un progetto ministeriale finanziato dal MIUR.

Organizzato congiuntamente a "Bioanalitica 2019", giornata scientifica del Gruppo di Bioanalitica della Divisione di Chimica Analitica della Società Chimica Italiana, l'evento ha registrato la presenza di oltre 80 iscritti e il coinvolgimento di studiosi impegnati nel campo della ricerca sulla realizzazione di dispositivi e sistemi "smart" basati su materiali innovativi con impiego di biomolecole o di recettori biomimetici per la sensoristica e per strumentazione analitica avanzata.

Come ha sottolineato Giorgio Dieci, Direttore del Dipartimento SCVSA, questa è stata la prima iniziativa congressuale organizzata nell'ambito del progetto del MIUR che prevede la creazione di un laboratorio interdisciplinare (COMP-HUB) la cui missione è "Merging chemical and biological complexity". Le attività di COMP-HUB si sviluppano attorno a cinque sfide di innovazione di notevole portata di tipo interdisciplinare che identificano ciascuna un gruppo di lavoro.

Una delle cinque sfide in termini di innovazione è stata proprio quella affrontata dal gruppo di lavoro"Dalle molecole ai dispositivi", che, come sottolineato da Maria Careri, ha discusso le nuove frontiere nel campo di dispositivi molecolari sensoristici sviluppati grazie all'apporto sinergico delle nanotecnologie e delle biotecnologie all'implementazione di nuovi strumenti diagnostici. Le tematiche hanno spaziato dall'impiego delle nanotecnologie, dei nanomateriali e delle tecnologie wireless per lo sviluppo di sensori miniaturizzati per diagnostica clinica all'impiego di tecnologie per la microfluidica digitale. Punto nodale per lo sviluppo di dispositivi sensoristici applicati alla diagnostica clinica e al "Point-of-Care Testing" è l'integrazione di diverse discipline, chimica analitica e chimica supramolecolare, fisica, biologia, scienza dei materiali e ingegneria elettronica.

L'interdisciplinarietà che ha contraddistinto il Workshop si è riflessa in un ricco programma con contributi di studiosi di varie discipline provenienti da varie Università ed Enti di ricerca italiani. Dopo la conferenza plenaria di Luca Prodi, dell'Università di Bologna, sulle nanotecnologie per tecniche sensoristiche e di imaging, hanno suscitato interesse le relazioni di Salvatore Iannotta di IMEM-CNR di Parma e di Francesco Baldini dell'IFAC-CNR di Firenze su dispositivi "smart" di sensoristica bioelettronica e ottica per la diagnostica, così come quelle di Ilaria De Munari e Stefano Selleri del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell'Ateneo su biosensori portatili wireless con tecnologia IoT e su dispositivi ottici innovativi per la diagnostica portatile.

È stata apprezzata anche la conferenza plenaria sui sensori impiegati nella tecnologia dei "nasi elettronici", tenuta da Wolfgang Knoll, Managing Director dell'Austrian Institute of Technology di Vienna e Visiting Professordell'Università di Parma.

La prof.ssa Careri ha sottolineato come abbia destato interesse, animando un vivace dibattito tra i partecipanti, la Tavola Rotonda sul tema "From Molecules to Sensing Devices nel Dipartimento di Eccellenza". A questo momento di confronto del Dipartimento sul tema dei dispositivi molecolari, nel quale hanno portato la loro testimonianza i docenti Roberto CorradiniEnrico Dalcanale e Marco Giannetto del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, hanno partecipato numerosi altri relatori facendo emergere la complessità del tema dei dispositivi sensoristici, evidenziando le difficoltà connesse non solo alla loro realizzazione, ma anche alla loro verifica e validazione se applicati all'ambito clinico. L'obiettivo della ricerca sui "sensing devices" in futuro deve quindi andare oltre e comprendere il coinvolgimento di pazienti e del mondo clinico.

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Workshop...mbientale