SCUOLA, BOOM DI CERTIFICATI: DISLESSICI 177 MILA RAGAZZI

Martedì
16:03:30
Luglio
16 2019

SCUOLA, BOOM DI CERTIFICATI: DISLESSICI 177 MILA RAGAZZI

View 2.0K

word 848 read time 4 minutes, 14 Seconds

AUMENTO DELLE ATTESTAZIONI PER DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO: +450% DAL 2012
VINCENZA PALMIERI: "LA FILIERA DIAGNOSTICA E PSICHIATRICA, FERITA, CAMBIA VESTITO E TORNA AD ATTACCARE I NOSTRI BAMBINI; LA SCUOLA SI CONFERMA IL BACINO PREDILETTO"

IL MOMENTO È ORA.

E se il momento è ora - per quanti stanno chiedendo Giustizia e Verità - la Filiera Psichiatrica, ferita e dolorante, cerca, come ha sempre fatto in passato, un nuovo vestito da indossare per allungare i propri tentacoli.

Da un lato, l'intento è quello di spostare l'attenzione dalla cronaca, dalla stretta attualità.

Dall'altro, continuare ad alimentare il business più vergognoso, quello sui bambini.

Svelata Reggio Emilia - e la sua estensione e replica su tutto il territorio nazionale - il vestito nuovo della filiera diagnostica rispolvera merce che aveva temporaneamente messo in soffitta: i Disturbi Specifici dell'Apprendimento (di cui, guarda caso, soffrono anche quasi tutti i bambini collocati in Case Famiglia e Case ad alto contenimento).

Ma ancora più velenoso è il fatto che, al momento dell'emanazione di tale orrida disposizione - quando buona parte anche della comunità scientifica vi si scagliò contro, paventando quelli che ne sarebbero stati gli effetti nefandi - sia i legislatori dell'epoca che i sostenitori passati e presenti sostennero a gran voce come con "DSA" non si intendessero disturbi della sfera sanitaria o "di interesse mentale".

Invece - dal 2010 ad oggi - leggiamo dati progressivamente sempre più inquietanti. Già da noi documentati nel dossier "Troppi per essere vero" e in numerose altre ricerche, come anche nelle audizioni in Commissione Infanzia.

Oggi, per esempio, su Il Messaggero: "Scuola, boom di certificati: dislessici 177 mila ragazzi".

Proprio in un momento in cui la nostra attenzione è rivolta ai bambini fantasma, si parla abbondantemente di DSA, sistemi compensativi e dispensativi e, addirittura, si pone l'accento sui "risultati positivi" di questo abuso diagnostico. Si parla di un aumento del 450% di diagnosi in soli 7 anni, dal 2012 all'oggi.

Dunque il disagio (di chi?) è diventato malattia; ma, addirittura, si plaude al fatto che ci sia una estrema medicalizzazione della scuola e si gioisce nei casi in cui i Minori vengano dispensati dallo studio, come se li si stesse, così, "curando".

Ma c'è di più. Addirittura, possiamo stare tranquilli, noi Italiani, perché al di sotto della media di altri Paesi! Non bastano le statistiche gravissime che ci riguardano, ma segue un invito a diagnosticare sempre di più i nostri ragazzi, a farli camminare attraverso i corridoi degli ospedali anche solo per una difficoltà di apprendimento (o di insegnamento?). E, soprattutto, ci si spinge ad affermare con entusiasmo il fatto che il Legislatore abbia "riconosciuto" i DSA: come se una norma potesse sancire l'esistenza di una patologia.

Non lo abbiamo mai visto accadere per il diabete, il colesterolo o per i calcoli alla cistifellea, che sono malattie statisticamente più ricorrenti nella popolazione italiana.

Il leone ferito sta cercando nuovi bacini?

Vuole rispolverare un vecchio vestito?

Lo abbiamo sempre scoperto, denudato e denunciato.

Quando praticava la #lobotomia #pre-frontale, quando faceva le docce ghiacciate, e ancora oggi, quando lega i ragazzi al letto, quando li #elettro-shocka, quando ricorre a una puntura per domarli tutti.

E quando, con l'ausilio di 25 persone - fatto recentemente accaduto in una città del Piemonte - ha rapito un'adolescente, catturata davanti alla scuola, per portarla in una casa ad alto contenimento, soltanto perché litigava con sua madre.
E lì, ora, la stanno drogando con psicofarmaci.

Ecco perché non ci siamo stupiti quando il leone, oltre al vestito, ha indossato il grembiule, il colletto bianco e il fiocco. Ed è entrato nella scuola.

È entrato nelle scuole per l'infanzia, negli asili nido, fino ai bambini strappati dal seno materno: "i bambini senza latte", peggio dei cani, dati in adozione ancora prima della nascita.

Non ci stupiamo di questi 177mila; e siamo preparati anche per aiutarli ad uscire dai reparti e dalle diagnosi opportunistiche.

L'Italia è una Nazione fatta di brave persone, di una comunità scientifica attenta e lungimirante, di politici che sanno metterci la faccia; di tecnici instancabili e di numerosi volontari totalmente dedicati alla causa, perché questo posto sia un luogo dove si possa vivere, ci si possa fidare e affidare. Che è il primo bisogno di ogni bambino.

Guardiamo con attenzione anche alle Commissioni di inchiesta che si stanno costituendo in alcune Regioni. Come in Emilia Romagna, dove notiamo il fatto che i membri di una Commissione istituita (e non certo gratuita) per la tutela dei Minori, a seguito dei fatti noti, siano neuropsichiatri e psichiatri esperti in dipendenze patologiche, che poco sono attinenti con l'Infanzia.

È come dire "il problema è affrontato da chi lo ha creato".

Se non c'è Scienza, non può esserci nemmeno Verità. Ma se tutto questo fino a poche settimane fa era sottaciuto con l'idea che fosse impossibile fare qualunque cosa a riguardo, oggi non è più così. I riflettori, rimangono accesi. La brava gente parla alla luce del sole, racconta, si organizza, manifesta, grida e scrive sui giornali, va in TV. E la luce dei riflettori si allarga fino al punto in cui diventa impossibile spegnerla. Un effetto domino inarrestabile.
Così è.

L'ITALIA S'È DESTA. IL MOMENTO È ORA.
Vincenza Palmieri
www.viveresenzapsicofarmaci.it
www.ccdu.org

Source by Vincenza_Palmieri


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / SCUOLA, ...A RAGAZZI