Sono 44 i morti. Niger. Morire di sete nel Sahara

Giovedì
06:28:33
Giugno
08 2017

Sono 44 i morti. Niger. Morire di sete nel Sahara

44, morti perchè il camion che li trasportava verso la Libia si è rotto. Morti silenziose: ogni anno morirebbero più persone nel deserto che nel Mediterraneo. Fermiamo i criminali che trafficano in vite umane

View 131.3K

word 434 read time 2 minutes, 10 Seconds

Si parla troppo spesso tragedie del Mediterraneo relative alle migrazioni che ormai da anni si sono orientate sulla direttrice Sud - Nord del Mare Nostrum. Poco si discute sui viaggi nel deserto che devono precedere il passaggio verso il mare, perchè le fonti di notizie sono scarse e forse perchè il mondo non è in grado di accettare la triste realtà che altrettante vite, o forse di più siano disperse a causa di violenze, sete e stenti. Oggi è la Bbc, a segnalare un altro dramma: 44 persone provenienti dal Ghana e dalla Nigeria sono morte di sete nel Sahara dopo che il camion che le trasportava verso la Libia si è irrimediabilmente rotto nel Niger settentrionale. Sei sopravvissuti sono riusciti a raggiungere un remoto villaggio e sono stati poi condotti a Dirkou, dove la Croce Rossa si sta occupando di loro. Secondo quanto indicato da Lawal Taher, un responsabile dell’organizzazione internazionale, fra le persone decedute ci sono diversi bambini. Nessuno, tuttavia, ha ancora potuto recarsi sul luogo della tragedia. Secondo quanto riporta Reuters, le autorità ritengono impossibile stabilire quante persone muoiano ogni anno nella pericolosa traversata del Sahara sulla rotta che dall’Africa occidentale porta in Libia e, da lì, in Europa. Il loro numero - stima però l’affiliata del Consiglio danese per i rifugiati "4mi" - potrebbe essere superiore a quello dei morti in mare (circa 5mila l’anno scorso). Dal 2014 al 2016 "mi4" ha intervistato circa 1’300 migranti sul tema. Quasi tutti riferivano della storia di qualche compagno di viaggio deceduto nel Sahara, per un totale di 1’245 casi. «Il numero relativamente piccolo di migranti intervistati suggerisce che la cifra di 1’245 dà un’indicazione plausibile di quanti muoiano davvero», spiega un rapporto dell’organizzazione. Per Giovanni D’Agata presidente dello "Sportello dei Diritti", questi accadimenti, dimostrano che bisogna intervenire a livello internazionale alla fonte, ossia direttamente in quei paesi dove trafficanti di vite senza scrupoli, con la sicura complicità delle istituzioni locali, si fanno garanti di viaggi dove la speranza ormai è ridotta al lumicino. A questo punto, è necessario che sia l'ONU ad intervenire, perchè l'UE, con le sue non velate divisioni sul tema dell'accoglienza, non ha dimostrato forza a livello diplomatico, per regolamentare i flussi e salvaguardare la vita di migliaia di vite umane per le quali anche noi europei dobbiamo ritenerci responsabili.

Source by Sportello_dei_diritti


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Sono 44 ...el Sahara