Allarme di Astronomi e Astrofili per la stasi del disegno di legge sull’inquinamento luminoso

Mercoledì
13:36:48
Marzo
17 2004

Allarme di Astronomi e Astrofili per la stasi del disegno di legge sull’inquinamento luminoso

View 133.8K

word 490 read time 2 minutes, 27 Seconds

Le principali associazioni nazionali e internazionali che si interessano di lotta all’inquinamento luminoso - Unione Astrofili Italiani (UAI), International Dark-sky Association (IDA) e Cielobuio - manifestano la loro viva preoccupazione, in nome degli oltre 100.000 astrofili italiani e nell’interesse delle tante strutture professionali della nostra nazione, per il nuovo blocco che ha colpito il disegno di legge n. 597 e tutti gli altri ad esso collegati, da quasi un anno affidati al vaglio delle Commissioni congiunte Ambiente e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati.

Si rileva infatti che, grazie alla nomina di un comitato ristretto guidato dagli Onorevoli Gregorio DELl’ANNA e Massimo CIALENTE sotto la presidenza dell’On. Pietro ARMANI, si era dato il via a una serie di audizioni dei vari soggetti interessati, terminate già nell’ottobre dello scorso anno. Il Comitato ristretto avrebbe dovuto elaborare nel giro di due mesi un testo unico da sottoporre ai membri delle Commissioni ed eventualmente ai vari operatori del settore; a tutt'oggi, invece, ancora non giungono segnali di novità da Montecitorio, mentre numerose Regioni hanno legiferato in materia con dettagli diversi tra loro.

Ormai dal 1992 gli studiosi del cielo, con il supporto di ambientalisti e biologi, stanno tentando con determinazione di far approvare una legge nazionale che ponga fine agli ingenti sperperi di risorse energetiche e naturali che derivano dall’uso indiscriminato e irrazionale dell’illuminazione esterna, a partire da quella pubblica. Si è calcolato che non meno del 30% dell’energia elettrica impiegata per far funzionare impianti inutilmente sovradimensionati, con elevata dispersione di flusso luminoso, senza dispositivi di risparmio energetico o con lampade ancora a bassa efficienza, viene persa o emessa direttamente verso il cielo.

Il risultato di questa politica energetica di retroguardia sta portando alla progressiva e inarrestabile scomparsa del cielo notturno, a cui si devono aggiungere i seguenti altri danni collaterali:
1) maggiore emissione in atmosfera di anidride carbonica;
2) danni all’ecosistema delle piante per alterazione della fotosintesi e all’equilibrio notte-giorno degli animali e, in alcuni casi, anche degli uomini;
3) pericolosi fenomeni di abbagliamento per automobilisti con rischio di incidenti;
4) dilapidazione di 250/300 milioni di Euro ogni anno.
La fondatezza delle tesi sostenute da astronomi, astrofili e naturalisti risiede ormai in numerosi studi scientifici di diversi Istituti internazionali e in esperimenti portati avanti da alcuni Comuni italiani (il primo in assoluto è stato quello di Frosinone che ha conseguito risparmi che vanno dal 30 al 50%).
In questi ultimi 12 anni sono state presentate alla Camera dei Deputati e al Senato oltre 20 proposte di legge di tutte le forze politiche, anche in forma congiunta e trasversale, senza mai arrivare però ad un risultato concreto. Ancora una volta si deve constatare che in Italia, quando si parla di ambiente, prevale l’aspetto verbale su quello operativo.

UAI (Unione Astrofili Italiani)
CIELOBUIO
IDA (International DarkSky Association)

http://www.uai.it
http://www.cielobuio.org
http://www.darksky.org
http://www.inquinamentoluminoso.it

Source by UAI


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Allarme ... luminoso