Forza Italia, scoppia il caso Parisi: domani vertice ad Arcore con 'processo' al manager

Giovedì
18:08:31
Luglio
21 2016

Forza Italia, scoppia il caso Parisi: domani vertice ad Arcore con 'processo' al manager

Forza Italia, scoppia il caso Parisi: domani vertice ad Arcore con 'processo' al manager

View 138.7K

word 756 read time 3 minutes, 46 Seconds

Non c'è pace in casa Forza Italia. La voce, sempre più insistente, di Stefano Parisi prossimo coordinatore unico del partito, su indicazione di Silvio Berlusconi, ha creato nuove tensioni e malumori tra le correnti. A cominciare dal cosiddetto asse del Nord, che fa capo a Paolo Romani, Maria Stella Gelmini e Giovanni Toti. Tensioni alimentate anche dall'intervista dello stesso Parisi a 'La Stampa', dove il manager di 'Chili Spa' lancia l'idea di un'Assemblea costituente a settembre per le riforme "per non disperdere l'esperienza fatta a Milano" e, di fatto, scende in campo per la leadership del centrodestra che sarà.

Le parole dell'imprenditore sono suonate come una sfida alle orecchie dei vertici azzurri, capigruppo in testa, proprio alla vigilia del vertice 'allargato' di domani ad Arcore convocato da Silvio Berlusconi con lo stato maggiore forzista per fare il punto della situazione sul futuro del movimento forzista, il nodo delle alleanze e il rapporto con il governo Renzi, tra voci di Nazareno bis e inciuci, in vista della battaglia referendaria sul ddl Boschi.

Un summit che potrebbe trasformarsi in un vero e proprio 'processo' al promotore del cosiddetto modello Milano. Tant'è che girano rumors su un possibile slittamento. Già la settimana scorsa, raccontano, il Cav avrebbe iniziato a parlare di Parisi come la persona giusta a cui affidare le redini di Fi in questa fase, suscitando la reazione di vari big, preoccupati da una sorta di commissariamento.

La sostanziale 'discesa in campo' di oggi e l'attivismo di questi mesi del manager, poi, avrebbero aperto il 'caso'. C'è chi, infatti, considera l'eventuale promozione di Parisi una sconfessione della gestione attuale. C'è chi, invece, bolla come ''irrispettosi i modi e i tempi della sua discesa in campo nei confronti di Berlusconi, unico leader indiscusso'', e chi ci vede un 'pericoloso precedentè per la corsa alla leadership del centrodestra e si affretta a invocare le primarie per la scelta di qualsiasi candidato.

Ma c'è pure chi interpreta "l'uscita di Parisi un'autoproclamazione" e invita alla cautela, visto che "Berlusconi ragiona su varie opzioni, come sempre, e Parisi è una di queste, ma tra il dire e il fare...''. Domani, dunque, a Villa San Martino, si annuncia un summit di fuoco. Per la prima volta 'allargato', da quando il Cav è rientrato ad Arcore per completare la riabilitazione dopo l'operazione al cuore. Ci saranno, oltre a Valentino Valentini e Sestino Giacomoni, i capigruppo Renato Brunetta e Paolo Romani con i vice; Giovanni Toti, Mara Carfagna, Maria Stella Gelmini, Antonio Tajani, Maurizio Gasparri e Altero Matteoli.

In attesa del vertice, il clima interno resta infuocato. Michaela Biancofiore è tra le prime a commentare la 'discesa in campo' di Parisi: ''Sono contenta se vorrà assumere il complicato ruolo di coordinatore della neo-Forza Italia, nella speranza, che un manager di successo come lui voglia valorizzare tutte le energie interne del partito e in Parlamento, recuperare le persone di spessore che abbiamo perso per strada ma non i voltagabbana di professione, ripristinare regole e dunque il concetto di merito che genera entusiasmo".

Gianfranco Rotondi trova ''incomprensibile la sua pretesa di guidare il centrodestra" e avverte: ''Da amico di Berlusconi e presidente di Rivoluzione Cristiana comincio a vivere con disagio le continue fughe in avanti di Forza Italia su una successione velleitaria, irrispettosa e indifferente al percorso personale di Berlusconi".

Sulla stessa linea Luca Squeri, coordinatore azzurro della provincia di Milano: "Parisi ha le carte in regola per ambire a un ruolo di candidato premier, ma nello stesso tempo sottolineo, a mio avviso, che per un centrodestra unito, il candidato finale non potrà uscire che dalle primarie. Leggendo oggi l'intervista di Parisi vedo più una sua candidatura a fare il premier del centrodestra, piuttosto che il coordinatore unico di Forza Italia. Anche perché Fi non la cita...". Che pensa del manager Parisi alla guida del partito? "#Fi è Silvio #Berlusconi, bisogna aspettare lui'', taglia corto Squeri.

Per l'ex ministro Nunzia De Girolamo "Fi è Berlusconi e Berlusconi è Fi: pertanto, tutto ciò che deciderà il nostro presidente, per me è legge". E ancora: ''Non ho interpretato l'intervista di Parisi come un'autoproclamazione, né un'autocandidatura a premier del centrodestra. Sicuramente, Parisi ha fatto una campagna elettorale che tutti hanno definito 'modello Milano'. E avendolo tirato in ballo come modello ideale del centrodestra del futuro, è evidente che oggi Parisi provi a dare seguito a tutta l'attività e all'entusiasmo messo in campo durante la campagna elettorale".

#Fi #Berlusconi #Parisi #Arcore #processo #manager

Source by Adnkronos


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Forza It...l manager
from: ladysilvia
by: Greenpeace