L’uragano Ike colpisce il Texas, ADRA invia gli aiuti

Lunedì
16:27:09
Settembre
15 2008

L’uragano Ike colpisce il Texas, ADRA invia gli aiuti

Luragano Ike si è abbattuto, sabato 13, sullisola di Galveston, in Texas, e subito lAgenzia Avventista per lo sviluppo e il Soccorso (ADRA), insieme con lAdventist Community Services (ACS), ha inviato aiuti, per un valore di 80.000 dollari, alle famiglie colpite della regione.

View 136.1K

word 528 read time 2 minutes, 38 Seconds

Texas: l’uragano Ike si è abbattuto, sabato 13, sull’isola di Galveston, in Texas, e subito l’Agenzia Avventista per lo sviluppo e il Soccorso (ADRA), insieme con l’Adventist Community Services (ACS), ha inviato aiuti, per un valore di 80.000 dollari, alle famiglie colpite della regione.
Mentre le autorità texane riaprono le aree danneggiate e gli sfollati cominciano a ritornare nelle loro case, ACS sta progettando di aprire dei centri di distribuzione di generi di conforto, come coperte, prodotti per l’igiene personale e altri articoli essenziali.

Meno di due settimane fa, ADRA aveva offerto assistenza, per un valore di 100.000 dollari, agli abitanti della Louisiana devastata dall’uragano Gustav, il 30 agosto. Ora, i soccorritori valutano la situazione in modo da poter aiutare al meglio le comunità più colpite.
“ADRA si appoggia ad ACS per rispondere a questa nuova calamità e lavoriamo insieme per offrire aiuto alle tante famiglie che sono state pesantemente colpite nelle ultime 24 ore“, ha affermato Frank Teeuwen, capo dell’Ufficio Gestione dell’Emergenza di Adra Intenational.
Ike, il secondo importante uragano che si è abbattuto sulla regione del Golfo statunitense in meno di due settimane e il più potente sviluppatosi nell’Atlantico quest'anno, ha spazzato l’isola alle 2,10 del mattino con raffiche a 175 km orari. Diminuito alla categoria 2, mentre in precedenza era di categoria 4, ha inondato le aree residenziali dal Texas fino alla Louisiana, facendo evacuare 1,2 milioni di persone e provocando almeno quattro vittime. Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, circa 2,6 milioni di residenti sono rimasti senza elettricità, sabato scorso. La tempesta ha anche causato la più grade operazione di ricerca e salvataggio nella storia del Texas.

Il Presidente George W. Bush ha dichiarato lo stato di calamità nelle contee texane. Le autorità del Texas e della Louisiana hanno anche chiesto agli sfollati di aspettare qualche giorno, prima di ritornare nelle loro case.

Da quando si è formato, ai primi di settembre, l’uragano Ike è responsabile di almeno 90 vittime, la maggior parte delle quali si sono avute a Haiti, dove le tre precedenti tempeste del 2008, Fay, Gustav e Hanna, hanno ucciso 615 persone.

Ora, l’uragano Ike, che è stato declassato a tempesta tropicale e viaggia a una velocità di 39 km orari, si sta dirigendo verso l’Arkansas e, perdendo sempre più forza, passerà su Missouri, Illinois, Indiana, Ohio, Michigan e Canada orientale, secondo quanto ha affermato il Servizio Meteorologico Nazionale.

Aggiornamenti più dettagliati saranno diffusi man mano che ADRA continua negli aiuti.

Chi desidera inviare dei contributi per le vittime dell’uragano può utilizzare i seguenti conti correnti intestati ad ADRA Italia:
- bancario: IBAN IT 95E 01030 03203 000000 866909;
- postale n. 1608004, specificando nella causale: Uragano Ike.

Ricordiamo che le donazioni sono fiscalmente detraibili.
ADRA è un'organizzazione non governativa presente in 125 paesi, che promuove lo sviluppo e interviene con soccorsi nelle calamità senza riguardo all’appartenenza politica o religiosa, all’età, al genere e all’etnia. Info: www.adraitalia.org

Source by Notizie_Avventoste


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / L’urag...gli aiuti