Papa: «Drammatico l’inizio di questo millennio»

Lunedì
02:19:15
Aprile
14 2003

Papa: «Drammatico l’inizio di questo millennio»

Solidarietà all’Iraq e alla Terra Santa

View 133.2K

word 486 read time 2 minutes, 25 Seconds

VATICANO. Non solo la guerra in Iraq ma anche la spirale di violenza che avvolge da anni la Terra Santa inducono il Papa a fare una riflessione assai penosa: è «drammatico» l’«inizio del terzo millennio che stiamo vivendo». Nel giorno della domenica delle Palme, Wojtyla torna così a parlare di pace nel mondo, davanti ad una piazza san Pietro inondata dal sole e gremita da 30mila ragazzi arrivati da vari Paesi europei ad assistere al passaggio della Croce delle Giornate Mondiali della Gioventù.

La grande croce di legno -simbolo di questi eventi religiosi che raccolgono milioni di 'papaboys'- viene consegnata da una delegazione canadese ad una tedesca. La prossima Giornata Mondiale della Gioventù si svolgerà nel 2005 a Colonia. Ai ragazzi, le 'suè sentinelle del mattino, Giovanni Paolo II, ricorda il dramma del conflitto iracheno e quello in corso tra arabi e israeliani. «Come non esprimere fraterna solidarietà ai vostri coetanei provati dalla guerra e dalla violenza in Iraq e in diverse altre regioni del mondo?»

La pace nel mondo -ripete il Papa citando l’enciclica del suo predecessore Angelo Roncalli «Pacem in terris»- si potrà raggiungere solo se basata su quattro punti: verità , libertà , giustizia e amore. «Sono questi i quattro pilastri su cui è possibile costruire l’edificio della vera pace, come 40 anni or sono scriveva il beato Giovanni XXIII». «Consegno idealmente a voi, giovani del mondo intero, questo storico documento quanto mai attuale: leggetelo, meditatelo, sforzatevi di metterlo in pratica. Sarete allora beati, perché autentici figli del Dio della pace». E ancora: «la pace è dono di Dio, ottenutoci col sacrificio della Croce. Per conseguirla efficacemente è necessario salire col Divin Maestro sino al Calvario».

La folla di pellegrini che segue la messa delle Palme, ascoltano le parole di Wojtyla, stringendo tra le mani rametti di palme e d'ulivo. Stamattina ne sono stati distribuiti 70 mila, giunti come di consueto dalla Puglia, la regione italiana degli ulivi. Seguite l’esempio di Cristo, «re della pace» grida il Papa ai ragazzi sulla piazza vaticana. «Nel corso dei secoli quanti giovani hanno ascoltato questo invito e quanti continuano a farlo nei giorni nostri. Giovani del terzo millennio non abbiate paura di offrire la vostra vita come risposta totale a Cristo. Egli solo cambia la vita e la storia del mondo».

Del dramma della guerra (definita «epifania di male e di morte») si riparla durante la preghiera dei fedeli. In lingua spagnola si ricordano, infatti, tutti coloro che «soffrono nel mondo, soprattutto a causa della violenza e dei conflitti». Mentre in lingua araba i fedeli invocano l’aiuto di Dio affinchè le religioni siano elementi di «dialogo e di confronto» tra loro e possano spegnere «ogni intolleranza e disprezzo». Infine in lingua swahili, quasi a riportare alla luce le guerre dimenticate africane: «ogni uomo riconosca nell’altro un fratello e insieme rendano più abitabile la nostra terra».

Source by LA_STAMPA


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Papa: «...llennio»