Dimissioni Mastella, Prodi le respinge. Guardasigilli prende tempo

Mercoledì
17:19:07
Gennaio
16 2008

Dimissioni Mastella, Prodi le respinge. Guardasigilli prende tempo

Il ministro della Giustizia dopo la notizia dei domiciliari alla moglie Sandra Lonardo: ''Getto la spugna. Contro di me una caccia all’uomo''. ll presidente del Consiglio vorrebbe convincerlo a restare. Il leader dell’Udeur: ''Ringrazio per la fiducia, deciderò in seguito''. Di Pietro: ''Inaccettabile attacco alla magistratura''. Video: l’intervento del leader dell’Udeur alla Camera.

View 133.9K

word 686 read time 3 minutes, 25 Seconds

GOVERNO: Prodi respinge le dimissioni del ministro Mastella

Il Presidente del Consiglio Romano Prodi ha respinto le dimissioni del ministro di Grazia e Giustizia Clemente Mastella

Napoli, 16 gen. (Adnkronos/Ign) - Il Guardasigilli Clemente Mastella (nella foto) annuncia in Aula alla Camera le sue dimissioni in seguito alla notizia degli arresti domiciliari alla moglie, Sandra Lonardo Mastella, presidente del Consiglio regionale della Campania. Dopo le manifestazioni di solidarietà giunte al ministro da maggioranza e opposizione, Prodi ha però respinto le dimissioni del ministro di Giustizia che, in una dichiarazione diffusa dal suo ufficio stampa al termine dell’incontro con il premier a palazzo Chigi, ha affermato: ''Ringrazio il presidente Prodi per la fiducia confermata, ma in questo momento è più importante che io stia accanto a mia moglie. Ogni altra decisione verrà dopo". Il leader dell’Udeur si riserva quindi di decidere sulle dimissioni.

ll Guardasigilli si era recato dal presidente del Consiglio con il capogruppo alla Camera dell’Udeur Mauro Fabris, che secondo le indiscrezioni di queste ore viene considerato come tra i più probabili candidati al dicastero di via Arenula. l’incontro è durato poco più di mezz'ora. Al termine del colloquio, il Guardasigilli ha lasciato la sede del governo per recarsi a Ceppaloni e incontrare la moglie.

''Mi dimetto perché tra l’amore per la famiglia e il potere scelgo il primo'', ha detto Mastella nell’aula di Montecitorio spiegando di voler lasciare via Arenula ''per essere più libero umanamente e politicamentè', pur sapendo che ''un'ingiustizia enorme è la fonte inquinata di un provvedimento perseguito con ostinazione da un procuratore che l’ordinamento manda a casa per limiti di mandato e di questo mi addebita la colpa. Colpa che invece non ravvisa nell’esercizio domestico delle sue funzioni per altre vicende che lambiscono suoi stretti parenti e delle quali è bene che il Csm si occupi''.

''Mi dimetto - ha continuato il leader dell’Udeur nell’aula di Montecitorio - riaprendo la questione delle intercettazioni a volte manipolate, a volte estrapolate ad arte, assai spesso divulgate senza alcun riguardo per la riservatezza dei cittadini''. E ancora. "Mi dimetto per senso dello Stato - ha proseguito durante la seduta nel corso della quale era prevista la relazione sullo stato della giustizia -. Lo faccio senza tentennamenti. Mi dimetto per riaprire una grande questione democratica. Anche perché, come ha detto Fedro: 'gli umili soffrono quando i potenti si combattono'. Mi dimetto perché ritengo, anche dopo la mia dolorosa esperienza che vada recuperata la responsabilità , almeno civile, dei magistrati''.

Per il Guardasigilli, è stata ordita "una trappola scientifica contro di me vile ed ignobile. Così come vile ed ignobile è stato prendere in ostaggio mia moglie a cui voglio un mondo di bene". Il ministro ha spiegato di aver lavorato per ricomporre ''la frattura tra magistratura e politica'' ma ''per alcune frange estremiste sono un avversario o, peggio, un nemico da abbattere". Contro di me ''è iniziato il tiro al bersaglio, quasi una caccia all’uomo''. ''Avevo resistito alle scorribande corsare contro di mè', ora però,''di fronte agli attacchi a mia moglie, getto la spugna''.

Nell’Aula di Montecitorio, dopo le dimissioni di Mastella, applaudito in più punti del suo discorso, ha preso la parola Dario Franceschini che ha espresso la solidarietà umana e politica del Pd al Guadasigilli. ''Rispettiamo anche questa volta l’azione della magistratura - ha sottolineato - la sua autonomia anche quando tempi e modi di alcune azioni fanno riflettere e mettono dubbi. Sapendo che la valutazione, la riflessione, è sempre sui singoli magistrati e mai sull’operato di tutta la magistratura''.

Pur esprimendo ''comprensione per la vicenda che riguarda la mogliè' di Mastella, il leader dell’Idv Antonio Di Pietro bolla come ''inaccettabilè' l’attacco sferrato alla magistratura.

Source by Adnkronos/Ign


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Dimissio...nde tempo