Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Romaeuropa: dopo 17 anni i Berliner Philharmoniker tornano a Roma il 21 novembre

Mercoledì
15:22:52
Ottobre
13 2021

Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Romaeuropa: dopo 17 anni i Berliner Philharmoniker tornano a Roma il 21 novembre

I BERLINER PHILHARMONIKER DIRETTI DA KIRILL PETRENKO A SANTA CECILIA
Domenica 21 novembre ore 21 - Sala Santa Cecilia
Su invito dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e dell’Ambasciata Tedesca a Roma, la compagine tedesca si esibirà il 21 novembre, unica data italiana, per il concerto conclusivo del Romaeuropa Festival.
foto con copyright Stephan Rabold

View 697

word 1.0K read time 5 minutes, 6 Seconds

Un concerto che già si preannuncia imperdibile e straordinario quello del prossimo 21 novembre: i Berliner Philharmoniker, l’orchestra più prestigiosa al mondo, tornano a Roma dopo 17 anni - unica data italiana - per il pubblico dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Sala Santa Cecilia, Auditorium Parco della Musicaore 21). L’orchestra sarà guidata dal suo Direttore Principale Kirill Petrenko - appena salito per il terzo anno consecutivo sul podio dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia - che conferma il particolare legame con l’Istituzione romana. Il celebre direttore russo, a capo dei Berliner Philharmoniker dal 2019, preferisce che a parlare per lui sia il suo lavoro, il suo modo di dirigere rivoluzionario, dal quale si irradia una incredibile energia, riconosciuta dai musicisti stessi e dal pubblico come “sorgente di infinite emozioni”.

Il concerto segna la tappa conclusiva della tournée europea dei Berliner e vuole essere un messaggio di solidarietà, speranza e fratellanza in ricordo di tutte le vittime della pandemia.

«Quando lo scorso anno la pandemia ha raggiunto l’Europa, l‘Italia fu colpita per prima, e molto duramente. Nessuno dimenticherà le numerose vittime. Come segno di solidarietà europea, per la Germania è stato naturale mettere i propri ospedali a disposizione anche dei pazienti italiani. Le immagini di Bergamo, e anche quelle delle cittadine e dei cittadini italiani che sui loro balconi e nei loro salotti suonavano manifestando così la loro fiducia nel futuro, rimarranno indelebilmente impresse nella nostra memoria. La Germania e l’Italia, in qualità di paesi fondatori della comunità europea, sono stati determinanti per l’integrazione europea. E anche oggi questi due paesi sentono una particolare responsabilità nei confronti dell’Europa», ha dichiarato l’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania Viktor Elbling.

«Con questo concerto vogliamo dimostrare il nostro profondo legame con l’Italia. In qualità di Ambasciatori musicali della Germania, i Berliner si esibiscono sotto la direzione di Kirill Petrenko in ricordo delle vittime della pandemia e come segno di speranza per un futuro sempre più positivo per la vita culturale europea. Soltanto lavorando insieme saremo in grado di elaborare il lutto per le vittime e rimettere al centro della società la cultura», afferma la Sovrintendente dei Berliner Andrea Zietzschmann, mentre Michele dall’Ongaro, Presidente-Sovrintendente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, afferma: «Il ritorno dei Berliner dopo diciassette anni di assenza è una grande notizia, non solo per Roma, ma per il nostro Paese. L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è orgogliosa di partecipare a questo evento ospitando in Auditorium la grande compagine tedesca e un maestro come Kirill Petrenko che ha appena calcato il nostro palcoscenico insieme alla nostra Orchestra. Siamo certi che la musica sia il miglior veicolo per testimoniare la solidarietà e l’amicizia tra i nostri popoli e mandare un convinto messaggio di speranza per il futuro».

«La Fondazione Romaeuropa è felice di collaborare con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia alla realizzazione di uno degli eventi più prestigiosi della stagione concertistica internazionale. L’esibizione dei Berliner Philharmoniker diretti dal Maestro Kirill Petrenko avverrà, anche grazie alla Fondazione Musica per Roma, a coronamento del Gran Finale della XXXVI edizione del Festival che vedrà protagonista, tra gli altri, nella stessa Sala Santa Cecilia e proprio in corealizzazione con Musica per Roma, l’Ensemble Intercontemporain in una prima nazionale con composizioni di Steve Reich che includono il nuovo brano realizzato per il film di Gerhard Richter», conclude il Direttore Generale e Artistico della Fondazione Romaeuropa Fabrizio Grifasi.

Le musiche in programma coprono un arco di temporale di più di un secolo. In apertura l’approccio romantico di Felix Mendelssohn che con la Sinfonia n. 3 “Scozzese” ripercorre le suggestioni di un viaggio a Edimburgo sulle orme di vestigia storiche legate a Maria Stuarda, ‘diario musicale’ concluso nel 1842, anno in cui il compositore conclude la Sinfonia dedicandola alla regina Vittoria. Tutt’altro clima nella Sinfonia n. 10 che Dmitri Šostakovič scrive nel 1953 pochi mesi dopo la morte di Stalin, nella quale egli ripercorre il tormento dei lunghi anni di dittatura. Circa otto anni separano questa sinfonia dalla Nona, e tale stacco cronologico si riflette anche nel mutato clima sonoro dell'opera, segnata da un linguaggio tormentato, ricco di chiaroscuri e di amara ironia.

Fondata nel 1882 come gruppo indipendente, denominato Former Bilse Kapelle, da un nucleo di 54 musicisti, la compagine dei Berliner Philharmoniker si organizza in maniera più strutturata dopo l’incontro con l’impresario Hermann Wolf. Il primo direttore è Hans von Bülow, seguito da Arthur Nikisch che nel corso dei ventisette anni a seguire determina il carattere peculiare dell’orchestra. Ogni musicista è incoraggiato a sviluppare le sue doti solistiche e musicali a vantaggio dell’unicità della compagine che in breve raggiunge una fama internazionale con un vasto repertorio di autori>

I Berliner Philharmoniker all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

La prima volta a Roma dei Berliner a Santa Cecilia fu quasi novant’anni fa, il 6 maggio 1932, sotto la guida di Wilhelm Furtwängler che con cadenza regolare è presente nelle stagioni ceciliane fino al gennaio del 1941, e dopo una lunga pausa, ancora una volta nel 1954. Quattro anni dopo l’orchestra è nuovamente nel cartellone di Santa Cecilia diretta questa volta da Herbert von Karajan, ma bisognerà attendere i primi anni Novanta per ascoltare di nuovo i Berliner che sotto la guida di Claudio Abbado tornano a Roma in più occasioni (nel 1993 e nel 1996). Nel 2001 il trionfo del Beethoven Festival nel corso del quale Abbado li dirige nell’interpretazione dei capolavori del Maestro di Bonn accanto a giganti del pianismo internazionale come Alfred Brendel, Martha Argerich, Evgenij Kissin, Maurizio Pollini. L’ultima presenza a Roma risale a diciassette anni fa, nel maggio 2004 sotto la direzione di Simon Rattle.

21 novembre 2021 - Sala Santa Cecilia, ore 21

Berliner Philharmoniker

Kirill Petrenko direttore

Mendelssohn Sinfonia n. 3 “Scozzese”

Šostakovič Sinfonia n. 10

Biglietti da €50 a €180

Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Accademi... novembre
from: ladysilvia
by: carabinieri