Oltre 4,8 milioni di donne e bambini assistiti in 8 paesi colpiti dallo tsunami

MOVE
MOVE
Sabato
20:37:15
Dicembre
30 2006

Oltre 4,8 milioni di donne e bambini assistiti in 8 paesi colpiti dallo tsunami

foto: by oiww.org
Presentato il nuovo rapporto UNICEF a 2 anni dallo tsunami

View 132.7K

word 452 read time 2 minutes, 15 Seconds

(LADYSILVIA/UNICEF) New York, 27 dicembre 2006 - A due anni dallo tsunami che provocò oltre 229.000 vittime in 8 paesi dell’Oceano indiano - sconvolgendo intere comunità e arrecando danni enormi a infrastrutture e servizi di base - l’UNICEF continua a lavorare per ricostruire la vita dei bambini colpiti dal disastro, per restituire loro un futuro più luminoso. Nel rapporto a 2 anni dallo tsunami "Much Done, More to Do", l’UNICEF fornisce un quadro dettagliato degli interventi avviati fin dal 26 dicembre 2004 in aiuto delle popolazioni colpite dal disastro, interventi che l’UNICEF continuerà a portare avanti per molti altri anni ancora. Il rapporto UNICEF traccia i progressi finora conseguiti nei paesi colpiti dallo tsunami: India, Indonesia, Malesia, Maldive, Myanmar, Somalia, Sri Lanka e Thailandia. «Da quando ha avviato gli interventi di risposta all’emergenza, l’UNICEF è stato in grado di portare aiuti e assistenza a oltre 4,8 milioni di donne e bambini di 8 diversi paesi» ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Antonio Sclavi: «A due anni di distanza dal disastro, molto è stato realizzato, ma molto resta ancora da fare».


Bhanpriya, 10 anni, sulla spiaggia di Pudupettai (India), il villaggio dove sorgeva la sua casa - -©UNICEF/HQ06-1918/Pietrasik
Tra i principali risultati finora conseguiti dall’UNICEF nei paesi sconvolti dallo tsunami si registrano:
  • Il sostegno alla ricostruzione di 50 strutture sanitarie e la fornitura di scorte e attrezzature mediche a circa 6.100 tra ospedali e centri sanitari
  • l’accesso di oltre 1 milione di persone a fonti idriche sicure costruite con il supporto dell’UNICEF, inclusi 250.000 bambini che beneficiano di nuovi servizi idrici e igienico-sanitari nelle scuole
  • La somministrazione di vitamina A ad oltre 1,2 milioni di bambini
  • La distribuzione di zanzariere trattate con insetticidi, per la prevenzione della malaria, a circa 1 milione di donne e bambini
  • La costruzione di 36 nuove scuole permanenti che consentono l’istruzione a oltre 10.000 scolari
  • l’allestimento di 145 scuole semi-permanenti per permettere l’immediato ritorno dei bambini agli studi, in attesa dei nuovi edifici scolastici
  • La riparazione di ulteriori 900 strutture scolastiche
  • La distribuzione di materiali scolastici per oltre 1 milione di bambini
  • l’assistenza psicosociale a oltre 400.000 bambini, per aiutarli a superare il trauma subito, e il sostegno a 5.000 bambini rimasti orfani
«La ricostruzione delle scuole costituisce uno dei risultati più importanti», ha affermato Gianfranco Rotigliano, Rappresentante UNICEF in Indonesia, il paese più colpito dallo tsunami, dove ulteriori 300 scuole verranno ricostruite nei prossimi anni. «Ora i bambini non sono più costretti a studiare nelle tende, ma beneficiano di scuole nuove o ristrutturate secondo il principio del 'ricostruire meglio', dotate di servizi igienico-sanitari, cortili scolastici per le attività ricreative e altri accorgimenti diretti a renderle a misura di bambino».

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Oltre 4,...o tsunami
from: ladysilvia
by: Claudio_di_Salvo