Lo smog sale e Albertini e Formigoni fanno finta di niente. Nuove adesioni al digiuno dei Verdi. Si unisce anche il Codacons

Lunedì
08:58:25
Marzo
21 2005

Lo smog sale e Albertini e Formigoni fanno finta di niente. Nuove adesioni al digiuno dei Verdi. Si unisce anche il Codacons

Lo smog sale e Albertini e Formigoni fanno finta di niente. Nuove adesioni al digiuno dei Verdi. Si unisce anche il Codacons

View 133.2K

word 487 read time 2 minutes, 26 Seconds

Nuove adesioni allo sciopero della fame dei Verdi che a Milano e in Lombardia chiedono interventi urgenti e seri contro lo smog. Negli ultimi quattro giorni a Milano e nella altre aree critiche della Lombardia si è registrata un’impennata impressionante degli inquinanti in atmosfera. Nel capoluogo lombardo si registra il 58esimo giorno di superamento dei livelli di guardia consentiti dalla Ue, che chiede che tali limiti (50 microgrammi per metrocubo come media giornaliera sulle 24 ore) non si superino per più di 35 giorni l’anno. E nelle altre aree critiche della Regione non va meglio.

Al digiuno lanciato dai Verdi Carlo Monguzzi e Maurizio Baruffi, oltre all’eurodeputata Monica Frassoni e al presidente di Fiab Gigi Riccardi, si sono aggiunti oggi Marco Donzelli, presidente del Codacons, l’associazione di consumatori e il senatore dei Verdi Natale Ripamonti. "In tutti questi anni - ha detto Donzelli - Formigoni e Albertini non hanno combinato niente. Il problema smog è rimasto così com'era e continua a colpire, in modo subdolo, soprattutto bambini e anziani".

Di fronte a questa situazione, e ai dati sempre più puntuali che attribuiscono allo smog migliaia di decessi all’anno, Monguzzi e Baruffi sono al nono giorno consecutivo di digiuno. Gli altri seguono a ruota per chiedere soprattutto che Comune e Regione rispettino le decisioni votate a maggioranza dal consiglio comunale e da quello regionale che, rispettivamente, chiedono la chiusura del centro alle auto e un piano regionale antismog efficace, mai attuato da Formigoni.

“Con il piano regionale voluto dal centrosinistra e votato a maggioranza dal Consiglio regionale nel 2002, anche con i voti del centrodestra, di fronte a questa situazione ci sarebbe già il blocco delle auto”, spiega Monguzzi che insieme a Baruffi e al senatore dei Verdi Fiorello Cortiana in mattinata hanno avuto modo di illustrare le ragioni del digiuno al Prefetto di Milano Bruno Ferrante. Ferrante, ha detto Cortiana, "si è fatto carico di richiamare Comune e Regione al rispetto del contenuto di quelle mozioni".

Il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio, presente all’incontro con la stampa di stamani, ha garantito che l’inerzia “irresponsabile” di Formigoni finirà in Parlamento: "Martedì - ha annunciato - presenteremo un ordine del giorno su questa situazione paradossale perché nel resto d'Italia non c’è bisogno di fare lo sciopero della fame per ottenere l’applicazione di atti dovuti".

"Capisco che Formigoni sia troppo impegnato nella campagna elettorale o nelle vicende di Oil For Food - ha proseguito Pecoraro - ma non può dimenticarsi di fare il suo dovere. E lo stesso vale per Albertini. Il modo migliore da parte dei cittadini di rispondere a questa banda è di non votarne i componenti alle prossime elezioni".

www.verdi.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Lo smog ... Codacons
from: ladysilvia
by: Landi