Il diritto alla dignità prenatale non costituisce diritto alla vita

Domenica
00:08:18
Dicembre
26 2004

Il diritto alla dignità prenatale non costituisce diritto alla vita

View 133.2K

word 582 read time 2 minutes, 54 Seconds

Usa: Non è solo dai banchi del Parlamento che si fa politica. La si fa ogni giorno, dissacrando o innalzando le proprie convinzioni, lottando o tacendo, e soprattutto utilizzando i mezzi giuridici a disposizione delle democrazie per combattere determinati provvedimenti.

Negli Usa, così come in molti altri Paesi, la voce della magistratura produce sempre una particolare risonanza: per coloro che parlano in nome della legge la distinzione fra giusto è sbagliato non è solo una questione di prospettiva, ma di vera e propria res-publica. Quando un giudice parla ci si aspetta che lo faccia per “scrostare” i colori politici da un problema e analizzarne il succo partendo dal punto di vista meno “umano” che esista: quello legale. A volte, per fortuna, è così, e dagli Usa proprio in questi giorni è arrivata una notizia che può solo rincuorare.

Una Corte d’Appello federale si è rifiutata di riaprire una causa, archiviata dal 1999, sulla presunta incostituzionalita della ricerca con le cellule staminali embrionali.

Il caso è stato sottoposto alla corte da un’associazione che si batte per i diritti “alla vita”, e che intendeva riportare alla luce la questione del diritto alla vita esteso anche ai cosiddetti pre-nati. La National Association for the Advancement of Preborn Children si è presentata in aula come rappresentate di “Mary Doe”, il nome fittizio dato ai 400.000 embrioni congelati nelle cliniche per la sterilità . Rudolph Palmer, portavoce e fondatore dell’associazione ha esordito il suo discorso dicendo: “Mary Doe è in quest’aula e vi sta dicendo ’sono viva, sono sopravvissuta. La ricerca sulle cellule staminali sta uccidendo mio fratello e mia sorella, e toccherà anche a me dopo di loro. Ho gli stessi diritti degli altri cittadini americani e questa corte ha il dovere di proteggerm씝.

La Corte d’Appello del 4° distretto Usa ha risposto, per bocca dei tre giudici che la compongono: “Ci opponiamo alle considerazioni etiche sulla ricerca su embrioni, perché l’attuale legge prende in considerazione solo le linee embrionali create prima del 2001. Mary Doe quindi non rientra nel testo in vigore. C’è da dire inoltre che dal cambiamento politico messo in atto dal presidente Bush dopo l’amministrazione Clinton, il tema è ancora in discussione in Parlamento e occorre attendere esiti politici da quella sede”.

La Corte ha poi ricordato che dal 1999, quando è nato il caso Palmer, la National Bioethics Advisory Committee ha redatto delle linee guida per la ricerca che prevedevano esplicitamente la ricerca su embrioni inutilizzati. E nel 2000 lo stesso National Institute of Health ha adottato quelle linee guida, pur non applicandole mai. Per Palmer il comportamento dei giudici è stato scontato quanto inadatto: si sono limitati infatti a dare una valutazione tecnico-giuridica sulla faccenda, evitando di entrare in questioni morali lasciandole alla competenza politica. Ma la corte non ha esitato a esprimere il proprio parere, infatti in più occasioni tutti e tre i membri hanno espresso la convinzione che “un grumo di cellule non può essere considerato un essere umano e godere degli stessi diritti”.
Questo atteggiamento è stato lodato da molti ricercatori e scienziati.

Per loro ha parlato Sean Tipton della Coalition for the Advancement of Medical Research, secondo il quale “la corte ha fatto la cosa giusta. Non esponendosi ha dato modo alla legge di esprimersi da sola, evitando così manierismi intellettuali inutili. Siamo contenti che esistano ancora persone che si fidano della ricerca e temono ostacoli moralisti”, che, aggiungiamo noi, danno solo libero sfogo ad un’etica del sacrificio più che mai inattuale.

Cinzia Colosimo
http://staminali.aduc.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il dirit...alla vita