Lunedì
15:34:09
Maggio
30 2022

Google indagato sul potenziale abuso di dominio nella tecnologia pubblicitaria

La CMA sta indagando se Google abbia violato la legge limitando la concorrenza nel mercato della tecnologia pubblicitaria digitale.

View 304

word 991 read time 4 minutes, 57 Seconds

GOV.UK : CMA avvia una seconda indagine sulle pratiche di Google nella tecnologia pubblicitaria, dopo il lancio di un'indagine sull'accordo "Jedi Blue" di Google e Meta.

L'intermediazione tecnologica pubblicitaria, nota anche come "stack ad tech", è un insieme complesso di servizi che facilitano la vendita di spazi pubblicitari online tra venditori (editori, come giornali online e altri fornitori di contenuti) e acquirenti (inserzionisti). Nel 2019, gli inserzionisti del Regno Unito hanno speso circa 1,8 miliardi di sterline per questo tipo di pubblicità online. Il mercato è importante perché milioni di persone in tutto il Regno Unito utilizzano siti Web che fanno affidamento sulle entrate pubblicitarie per offrire contenuti gratuiti di alta qualità.

#Google ha posizioni forti a vari livelli dello stack tecnologico pubblicitario, addebitando commissioni sia agli editori che agli inserzionisti.

L'Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) sta esaminando 3 parti chiave di questa catena, in ognuna delle quali Google possiede il più grande fornitore di servizi:

  • Le piattaforme lato domanda (DSP) consentono agli inserzionisti e alle agenzie di media di acquistare l'inventario pubblicitario degli editori (cioè lo spazio che hanno per la pubblicità) da molte fonti.
  • Gli scambi di annunci forniscono la tecnologia per automatizzare la vendita dell'inventario degli editori. Consentono aste in tempo reale collegandosi a più DSP, raccogliendo offerte da loro.
  • Gli ad server dell'editore gestiscono l'inventario dell'editore e decidono quale annuncio mostrare, in base alle offerte ricevute da diversi scambi e/o accordi diretti tra editori e inserzionisti.

La CMA sta valutando se le pratiche di Google in queste parti dello stack tecnologico pubblicitario possano distorcere la concorrenza. Questi includono se Google ha limitato l'interoperabilità del suo scambio di annunci con gli ad server di editori di terze parti e/o ha legato contrattualmente questi servizi insieme, rendendo più difficile la concorrenza per gli ad server concorrenti.

La CMA è anche preoccupata per il fatto che Google possa aver utilizzato il suo server di annunci dell'editore e i suoi DSP per favorire illegalmente i propri servizi di scambio di annunci, adottando misure per escludere i servizi offerti dai rivali.

Andrea Coscelli, amministratore delegato di CMA, ha dichiarato:

Siamo preoccupati che Google possa utilizzare la sua posizione nella tecnologia pubblicitaria per favorire i propri servizi a scapito dei suoi rivali, dei suoi clienti e, in definitiva, dei consumatori.

Questo sarebbe un male per i milioni di persone che hanno accesso ogni giorno a una grande quantità di informazioni gratuite online.

L'indebolimento della concorrenza in questo settore potrebbe ridurre le entrate pubblicitarie degli editori, che potrebbero essere costretti a compromettere la qualità dei loro contenuti per tagliare i costi o mettere i loro contenuti dietro i paywall. Potrebbe anche aumentare i costi per gli inserzionisti che vengono trasferiti attraverso prezzi più elevati per beni e servizi pubblicizzati.

È fondamentale continuare a controllare il comportamento delle aziende tecnologiche che incombono sulla nostra vita e garantire i migliori risultati per le persone e le imprese in tutto il Regno Unito.

Questo caso fa seguito allo studio di mercato della CMA sulle piattaforme online e sulla pubblicità digitale che ha identificato problemi significativi e ha valutato le possibili soluzioni per affrontare il potere di mercato nella tecnologia pubblicitaria. La CMA li considererà ulteriormente nel corso della sua indagine. La CMA ha successivamente aperto un'indagine sulla concorrenza nell'accordo "Jedi Blue" di Google e Meta in relazione ai servizi di offerte di intestazione, che fanno parte del più ampio stack tecnologico pubblicitario. La CMA sta inoltre monitorando il rispetto degli impegni presi da Google in relazione alle sue proposte di Privacy Sandbox per rimuovere i cookie di terze parti e altre funzionalità dal browser Chrome di Google.

Nel discorso della regina è stata recentemente annunciata una bozza di legge per conferire alla CMA più poteri per governare il comportamento delle grandi aziende tecnologiche, attraverso la Digital Markets Unit.

Fino a quando questa legislazione non sarà in vigore, la CMA andrà avanti utilizzando i suoi poteri esistenti nel settore tecnologico, comprese le sonde sull'App Store di Apple , l'uso dei dati da parte di Meta e gli ecosistemi mobili di Apple e Google per problemi di concorrenza.

Il CMA mantiene un approccio congiunto in tutti i casi correlati per garantire i migliori risultati per le persone e le imprese in tutto il Regno Unito.

La Commissione Europea (CE) ha avviato la propria indagine sulle pratiche di Google nel settore ad tech . Le pratiche di Google sono anche oggetto di un reclamo da parte dello Stato del Texas (e di altri Stati degli Stati Uniti) attualmente dinanzi ai tribunali statunitensi. Nel luglio 2021, l'Autorité de la Concurrence francese ha archiviato un procedimento simile contro Google per aver imposto una multa e assicurato impegni.

Scopri di più sull'indagine della CMA qui.

Note ai redattori

La normativa sulla concorrenza rilevante per l'indagine della CMA è il Competition Act 1998. Questo caso riguarda il divieto del Capitolo II (che rende illegale per una società che detiene una posizione dominante comportarsi a scapito della concorrenza).[/ppie]

"Google" si riferisce a Google UK Limited, Google LLC e Alphabet Inc.[/ppie]

La CMA può avviare un'indagine ai sensi del Competition Act 1998 se ha ragionevoli motivi per ritenere che vi sia stata una violazione del diritto della concorrenza. Se la CMA decide che c'è stata una violazione delle leggi sulla concorrenza, può infliggere una sanzione fino al 10% del fatturato mondiale di Google, nonché emettere istruzioni legalmente vincolanti per porre fine alla violazione.[/ppie]

Non si dovrebbe concludere che la legge sia stata violata. La CMA non ha deciso che la condotta di Google debba cambiare.[/ppie]

Tutte le richieste dei giornalisti devono essere indirizzate all'ufficio stampa CMA tramite e-mail all'indirizzo press@cma.gov.uk o telefonicamente allo 020 3738 6460.[/pie]

Tutte le richieste del pubblico in generale devono essere indirizzate al team per le indagini generali della CMA su general.enquiries@cma.gov.uk o 020 3738 6000.[/ppie]





Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Google i...licitaria