Venerdì
14:20:06
Aprile
01 2022

La Russia accusa l'Ucraina di aver attaccato un deposito di carburante sul suo territorio

Mosca avverte che l'attacco potrebbe ostacolare i negoziati. Secondo il governatore di Belgorod, due elicotteri hanno raggiunto un magazzino della cittadina, a soli 80 chilometri dalla punita città ucraina di Kharkov. kyiv non conferma né smentisce l'offensiva

View 724

word 819 read time 4 minutes, 5 Seconds

Mosca ha denunciato questo venerdì che l'esercito ucraino ha attaccato all'alba un deposito di carburante in territorio russo. Secondo il governatore della regione di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, due elicotteri delle Forze armate ucraine sarebbero riusciti a raggiungere l'obiettivo situato a soli 80 chilometri a nord della città ucraina di Kharkov, uno dei fronti più duri di una guerra che continua già di più di un mese . Non ci sono state vittime nell'attacco. Il Cremlino ha avvertito che l'attacco potrebbe interrompere i colloqui di pace tra Ucraina e Russia. Il governo ucraino, da parte sua, non conferma né smentisce le informazioni.

I due aerei avrebbero attraversato il territorio russo volando a bassa quota in un raid effettuato all'alba di questo venerdì, secondo la versione di Gladkov. Il giorno prima, il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, aveva affermato che le sue forze avevano "assoluta superiorità aerea" che consentiva loro di attaccare gli ucraini nell'ovest e nel centro del Paese. Il governo ucraino di Volodímir Zelenski non ha parlato al momento.

“I servizi di emergenza stanno cercando di spegnere l'incendio il prima possibile. Non c'è nessuna minaccia per la popolazione", ha aggiunto il governatore sul suo canale Telegram. I residenti di tre strade vicino al deposito sono stati temporaneamente alloggiati in un centro sportivo cittadino. Da parte sua, il servizio stampa della compagnia petrolifera proprietaria degli impianti, Rosneft, ha assicurato che tutto il personale è stato evacuato in tempo.

Il portavoce del presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che l'attacco ucraino, avvenuto intorno alle 5:30, potrebbe ostacolare i colloqui di pace a Mosca e a Kiev. "Questo non crea condizioni favorevoli per continuare i negoziati", ha affermato Dmitri Peskov. Dopo i colloqui tenuti martedì scorso a Istanbul da entrambe le parti , Mosca aveva mostrato ottimismo sui progressi compiuti, anche se da Kiev l'hanno presa con cautela.

Alla domanda della stampa russa su come fosse possibile un attacco aereo sul proprio territorio, Peskov ha rifiutato di rispondere. “Non spetta a noi”, ha detto il portavoce del Cremlino, “all'amministrazione presidenziale fare una valutazione. Questo deve essere fatto da professionisti. La superiorità aerea durante la nostra operazione speciale è un fatto assoluto, lo è davvero, ma non siamo noi, ma le nostre agenzie di sicurezza, che dobbiamo valutarlo.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato di non poter confermare o negare il coinvolgimento dell'Ucraina nell'attacco perché non disponeva di tutte le informazioni militari. Rispondendo a una domanda sull'attacco durante un briefing in Polonia, Kuleba ha detto: "Non posso confermare o respingere l'affermazione che l'Ucraina fosse coinvolta in questo semplicemente perché non ho tutte le informazioni militari".

Anche due società che si trovavano vicino al deposito di carburante colpito hanno subito danni. L'edificio dove si trovava una macchina da stampa ha subito ingenti danni, mentre il personale di un laboratorio specializzato nella produzione di zaffiri è stato evacuato per disattivare un altro proiettile. “Un'esplosione è stata sentita alle 5.30. Poi il proprietario ha chiamato e ci ha informato del raid aereo e dei danni che si erano verificati nei locali", ha detto a Interfax il direttore commerciale della tipografia, Yulia Bogatyreva. "I frammenti hanno lasciato dei buchi nelle pareti dell'ufficio e sul pavimento della tipografia c'è un cilindro a razzo", ha detto.

Due dipendenti dell'azienda erano sulla scena al momento dell'attacco, anche se non sono rimasti feriti, secondo il sindaco di Belgorod Anton Ivanov sul suo canale Telegram.

Ai compiti di spegnimento delle fiamme partecipano più di 170 soci lavoratori inviati dal Ministero delle Emergenze. Il capo ad interim di questo dipartimento, Alexánder Chupriyán, e il suo team si sono recati sul posto "per valutare il lavoro sul sito e prevenire la propagazione del fuoco ai carri armati vicini", secondo una dichiarazione rilasciata dall'agenzia.

Il 29 marzo si è verificato un altro incidente irrisolto nella stessa regione, nel villaggio di Krasny Oktyabr, a 20 chilometri dal confine. Un incendio in un deposito di munizioni ha provocato una serie di potenti esplosioni nella zona e quattro soldati russi sono rimasti feriti, hanno riferito diverse fonti all'agenzia di stampa TASS . La versione preliminare gestita dal servizio di emergenza è che l'incendio è dovuto a un errore umano. Inoltre, circa 180 residenti sono stati evacuati di notte nel capoluogo della regione.

È la prima volta che la Russia accusa l'Ucraina di aver attaccato il suo territorio dall'inizio del conflitto il 24 febbraio. Tre giorni prima di lanciare la sua offensiva, tra il trasferimento di truppe al confine con l'Ucraina e un'ondata di accuse di ogni genere contro kiev, Mosca ha assicurato di aver ucciso cinque soldati ucraini sul suo territorio e che kiev aveva bombardato un confine controllare dove non c'era nessuno in quel momento.

fonte: https://elpais.com

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / La Russi...erritorio