Lunedì
16:26:35
Marzo
28 2022

Udienza della Grande Camera sul caso riguardante il libro per bambini di fiabe LGBTI

Corte europea dei diritti dell'uomo, Grande Camera[1] nel caso Macatÿ c. Lituania (ricorso n. 61435/19).

View 568

word 728 read time 3 minutes, 38 Seconds

Lituania - Il caso riguarda una denuncia di un'autrice secondo cui il libro per bambini contenente fiabe LGBTI è stato etichettato come potenzialmente dannoso per i bambini.

La ricorrente, Neringa Dangvydÿ Macatÿ, era una cittadina lituana nata nel 1975 e residente a Vilnius. È morta nel marzo 2020 e sua madre sta continuando il procedimento al suo posto.

La ricorrente era un'autrice per bambini dichiaratamente lesbica e che ha scritto un libro, rivolto a bambini di nove e dieci anni, di sei fiabe originali. Adattati dalle fiabe tradizionali, includevano personaggi di vari gruppi sociali emarginati, come rom, persone di diversa estrazione razziale, persone con disabilità, famiglie divorziate e storie su questioni come l'emigrazione e il bullismo. Due delle sei fiabe contenevano trame di relazioni romantiche e matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Subito dopo la pubblicazione del libro, ci sono state lamentele da parte di associazioni che rappresentano le famiglie, che storie di relazioni omosessuali venivano presentate ai bambini. L'Ispettorato per l'etica giornalistica ha concluso che le due fiabe che raffiguravano tali relazioni non erano conformi alla sezione 4 § 2 (16) della legge sulla protezione dei minori dagli effetti dannosi della pubblica informazione. Tale disposizione prevede che qualsiasi informazione che “esprima disprezzo per i valori della famiglia” o “incoraggi una concezione diversa del matrimonio e della creazione della famiglia rispetto a quella sancita dalla Costituzione o dal codice civile” è considerata come avente un effetto negativo sui minori.

L'editore ha successivamente aggiunto un'etichetta di avvertimento che il libro potrebbe essere dannoso per i bambini di età inferiore ai 14 anni. La ricorrente ha intentato un procedimento civile contro l'editore, ma i tribunali hanno respinto la sua richiesta, ritenendo che l'editore avesse agito in linea con il diritto interno relativo al concetto di famiglia e alla protezione dei minori da informazioni dannose.

Procedura

Il ricorso è stato depositato presso la Corte europea dei diritti dell'uomo il 22 novembre 2019.

Adducendo l'articolo 10 (libertà di espressione) della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, preso da solo e in combinato disposto con l'articolo 14 (divieto di discriminazione), il ricorrente lamenta che il libro è stato etichettato come dannoso per i bambini per il solo motivo che conteneva un rappresentazione positiva delle relazioni omosessuali. Sostiene inoltre che la sezione 4 § 2 (16) della legge sulla protezione dei minori dagli effetti pregiudizievoli dell'informazione pubblica, sebbene apparentemente neutrale, fosse in realtà diretta a limitare la diffusione di qualsiasi informazione positiva sulle persone LGBTI con il pretesto di proteggere bambini.

Il 18 giugno 2020 il governo lituano è stato informato2 del ricorso, con quesiti della Corte.

La Camera cui era stata assegnata la causa ha rinunciato alla giurisdizione a favore della Grande Camera il 31 agosto 2021.

ILGA-Europe, ARTICOLO 19: Campagna globale per la libera espressione e il professor David Kaye, che agiscono congiuntamente, e la Háttér Society sono stati autorizzati a intervenire nel procedimento scritto in qualità di terzi.

Composizione della Corte

La causa sarà esaminata da una Grande Camera, così composta:

Robert Spano (Islanda), Presidente, Jon Fridrik Kjølbro (Danimarca), Síofra O'Leary (Irlanda),
Yonko Grozev (Bulgaria),
Georges Ravarani (Lussemburgo), Marko Bošnjak (Slovenia),
Ganna Yudkivska (Ucraina) Egidijus Kÿris (Lituania),
Branko Lubarda (Serbia),
Carlo Ranzoni (Liechtenstein), Stéphanie Mourou-Vikström (Monaco), Tim Eicke (Regno Unito),
Arnfinn Bårdsen (Norvegia),
Erik Wennerström (Svezia),
Saadet Yuksel (Turchia),
Ana Maria Guerra Martins (Portogallo), Andreas Zünd (Svizzera), giudici,
Iulia Antoanella Motoc (Romania), Lado Chanturia (Georgia),
Peeter Roosma (Estonia), supplenti,
e anche Marialena Tsirli, cancelliera.

Rappresentanti delle parti

Governo

Karolina Bubnytÿ-Širmenÿ, agente, Nika Bruskina, consigliere;
Ricorrente
Robert Wintemute, avvocato, Marijus Dingilevskis, consigliere.

1 Ai sensi dell'articolo 30 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, «quando una causa pendente dinanzi ad una Camera sollevi una questione seria che incida sull'interpretazione della Convenzione o dei suoi Protocolli, o quando la risoluzione di una questione dinanzi alla Camera possa avere un risultato incoerente con sentenza preventivamente pronunciata dalla Corte, la Camera può, in qualsiasi momento prima di aver pronunciato la propria sentenza, rinunciare alla competenza a favore della Grande Camera”.


2 Conformemente all'articolo 54 del Regolamento della Corte, una camera di sette giudici può decidere di portare all'attenzione del governo di uno Stato della Convenzione che un ricorso contro tale Stato è pendente dinanzi alla Corte (cd "procedura di comunicazione") . Ulteriori informazioni sulla procedura dopo che un caso è stato comunicato a un governo possono essere trovate nel Regolamento della Corte.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Udienza ...abe LGBTI