Martedì
00:56:17
Marzo
15 2022

Facebook e Instagram consentono temporaneamente i post sulla guerra in Ucraina che chiedono violenza contro gli invasori russi o la morte di Putin

View 1.8K

word 497 read time 2 minutes, 29 Seconds

La News è dello scorso 11 Marzo - Meta Platforms (FB.O) include agli utenti di Facebook e Instagram in alcuni di invocare la violenza contro paesi russi e soldati russi nel contesto dell'invasione dell'Ucraina, secondo le e-mail interne viste da Reuters giovedì, in un cambiamento temporaneo del suo odio politico del linguaggio.

La società di social media sta anche consentendo temporaneamente alcuni post che chiedono la morte del presidente russo Vladimir Putin o del presidente bielorusso Alexander Lukashenko in paesi tra cui Russia, Ucraina e Polonia, secondo le e-mail interne ai suoi moderatori dei contenuti.

“Come risultato dell'invasione russa dell'Ucraina, abbiamo temporaneamente concesso forme di espressione politica che normalmente violerebbero le nostre regole come discorsi violenti come 'morte agli invasori russi'. Non consentiremo ancora appelli credibili alla violenza contro i civili russi", ha affermato un portavoce di Meta in una nota.

Le richieste di morte dei leader saranno consentite a meno che non contengano altri obiettivi o abbiano due indicatori di credibilità, come il luogo o il metodo, ha affermato un'e-mail, in una recente modifica delle regole dell'azienda sulla violenza e l'incitamento.

Secondo un'e-mail, le modifiche temporanee alle politiche sulle richieste di violenza ai soldati russi si applicano ad Armenia, Azerbaigian, Estonia, Georgia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia e Ucraina.

Nell'e-mail inviata di recente ai moderatori, Meta ha acceso un cambiamento nella sua politica di incitamento all'odio riguardante sia i russi che i russi nel contesto dell'invasione.

"Stiamo rilasciando un' indennità basata sullo spirito della politica per consentire discorsi violenti T1 che altrimenti verrebbero rimossi in base alla politica sull'incitamento all'odio quando: (a) prende di mira soldati russi, ECCETTO prigionieri di guerra, o (b) prende di mira i russi dove è chiaro che il contesto è l'invasione russa dell'Ucraina (ad esempio, il contenuto menziona l'invasione, l'autodifesa, ecc.)", si legge nell'e-mail.

“Lo stiamo facendo perché abbiamo osservato che in questo contesto specifico, i 'soldati russi' vengono usati come procuratori dell'esercito russo. La politica dell'incitamento all'odio continua a vietare gli attacchi ai russi", affermava l'e-mail.

La scorsa settimana, la Russia ha dichiarato che stava vietando Facebook nel paese in risposta a quelle che affermava restrizioni all'accesso ai media sulla piattaforma russi. Mosca ha represso le società tecnologiche, tra cui Twitter (TWTR.N), che ha affermato di avere restrizioni nel paese, durante la sua invasione dell'Ucraina, che definisce "operazione speciale".

“Lo stiamo facendo perché abbiamo osservato che in questo contesto specifico, i 'soldati russi' vengono usati come procuratori dell'esercito russo. La politica dell'incitamento all'odio continua a vietare gli attacchi ai russi", affermava l'e-mail.

La scorsa settimana, la Russia ha dichiarato che stava vietando Facebook nel paese in risposta a quelle che affermava restrizioni all'accesso ai media sulla piattaforma russi. Mosca ha represso le società tecnologiche, tra cui Twitter (TWTR.N), che ha affermato di avere restrizioni nel paese, durante la sua invasione dell'Ucraina, che definisce "operazione speciale".

Reuters

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Facebook... di Putin