ROBA MINIMA, S’INTEND! Concerto MalincoMico Omaggio a Enzo Jannacci al Teatro Manzoni di Milano

Domenica
20:03:06
Gennaio
19 2020

ROBA MINIMA, S’INTEND! Concerto MalincoMico Omaggio a Enzo Jannacci al Teatro Manzoni di Milano

Martedì 28 gennaio 2020 ore 20,45
Atir Teatro Ringhiera
presenta STEFANO ORLANDI in ROBA MINIMA, S’INTEND!
Concerto MalincoMico

Omaggio a Enzo Jannacci

View 2.2K

word 712 read time 3 minutes, 33 Seconds

Lo spettacolo-concerto è un percorso di musica, parole e immagini intorno alla figura del cantautore milanese e della Milano che egli ha raccontato nelle canzoni fin dagli anni ’60.

La Milano dei quartieri con i suoi mille personaggi stravaganti e surreali: i "pali" dell’Ortica, quello che andava a Rogoredo a "cercare i sò danée", le balere di periferia dove c’è sempre chi "per un basin" avrebbe dato la vita intera.

I sogni e le miserie di chi sta ai margini di una società che corre troppo veloce, incurante degli ultimi.

Il boom economico con le sue contraddizioni, con "Vincenzina" che vuol bene alla fabbrica, con quello che "prendeva il treno per non essere da meno" e chi davanti a un documento di residenza "gli viene in mente tutta l’infanzia".

C’è chi insegue una storia d’amore: "roba minima, s’intend, roba de barbun!".

E poi c’è chi, nonostante tutto, ride, e ride di gusto perché "sempre allegri bisogna stare, che il nostro piangere fa male al re, al ricco e al cardinale".

Jannacci è stato sempre dalla parte degli ultimi, dei balordi, li ha cantati con il cuore in gola, nei suoi versi c’è la speranza che non si arrende.

Jannacci racconta l’avventura umana attraverso piccole storie di personaggi affamati di fantasia, ma con i piedi ben piantati nel delirio quotidiano della realtà.

Nelle sue canzoni c’è il mondo visto con gli occhi di un clown: un clown moderno, "allampanato, fulmineo e folle", dove il riso e il sorriso si mescolano con la malinconia dei ricordi, con la tristezza e anche con la rabbia per un mondo che non è certo il migliore dei mondi possibili, ma l’abbiamo fatto noi, e in questo mondo ora ci tocca vivere.

Proprio come un clown, Jannacci ha la capacità di stupire, di creare atmosfere poetiche, di inventare incantesimi, di far ridere e piangere allo stesso tempo.

Canzoni comiche e malinconiche, ovvero malin-comiche.


Le canzoni sono introdotte, seguite, contaminate dalle parole di alcuni autori milanesi che, per assonanze logiche e illogiche, danno vita a una carrellata di personaggi eccentrici, surreali, timidi o inquieti, ma sempre densi di quella umanità semplice e schietta di cui erano ricche le periferie popolari e le case di ringhiera della Milano negli anni ‘50-‘60.

Si va da Beppe Viola, giornalista sportivo e ironico scrittore, grande amico di Jannacci, con il quale ha composto oltre a diverse canzoni anche la sceneggiatura del film di Monicelli "Romanzo popolare", passando per Walter Valdi, uno dei capostipiti del cabaret milanese, autore tra l’altro di alcune canzoni portate al successo da Jannacci (Faceva il palo, La ballata del Pittore); si incontra la periferia milanese raccontata da Giovanni Testori nel ciclo di opere detto "I segreti di Milano" per giungere alla poesia di Franco Loi, un genovese approdato da bambino a Milano di cui oggi ne è forse il più autorevole poeta dialettale.

L’accompagnamento musicale, nonché gli arrangiamenti, sono affidati a Massimo Betti (chitarra), Stefano Fascioli (contrabbasso), Giulia Bertasi (fisarmonica), musicisti milanesi con diverse esperienze sia nel campo del jazz che della musica per il teatro.

Roba minima, s’intend!
pur avendo il suo cuore pulsante nelle canzoni di Jannacci , è a tutti gli effetti uno spettacolo teatrale dove la semplice ma suggestiva scenografia di Maria Spazzi e le luci di Alessandro Verazzi evocano una città: Milano, avvolta nella nebbia e abitata dai personaggi che vengono via via interpretati da Stefano Orlandi con ironia e leggerezza.

Martedì 28 gennaio 2020 ore 20,45

Atir Teatro Ringhiera
presenta
STEFANO ORLANDI
in
ROBA MINIMA, S’INTEND!
Concerto MalincoMico

Omaggio a Enzo Jannacci

di Stefano Orlandi

canzoni di Enzo Jannacci
contaminazioni letterarie di Beppe Viola, Franco Loi, Giovanni Testori, Walter Valdi

Massimo Betti chitarra - Stefano Fascioli contrabbasso - Giulia Bertasi fisarmonica


scene Maria Spazzi - costumi Federica Ponissi - luci Alessandro Verazzi - immagini Pietro Paroletti

BIGLIETTI
Prestige € 22,00
Poltronissima € 20,00
Poltrona € 18,00
Under 26 anni € 15,00


Il Teatro Manzoni
Via Manzoni 42 - 20121 Milano
Tel. 02 7636901
Fax 02 76005471

Source by Lucia Ferrigno


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / ROBA MIN...i Milano
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab