Il Principe (Prefazione di Marinella Galletti) 2016

Martedì
20:30:45
Agosto
30 2016

Il Principe (Prefazione di Marinella Galletti) 2016

Collana di saggistica in plaquette dell’Istituto Italiano di Cultura di Napoli
diretta da Roberto Pasanisi

View 138.3K

word 677 read time 3 minutes, 23 Seconds

Paolo Pratesi, Niccolò Machiavelli (1465-1527) - Niccolò Machiavelli di Paolo Pratesi è uno studio per la messa a fuoco della passione, dell’energia teoretica del diplomatico fiorentino e stratega militare, e della ‘fortuna’ che la sua opera cardine, Il Principe, incontrò nella sua epoca, il Rinascimento maturo, riscontrandosi in essere nell’ ‘animo’ delle ‘personalità machiavelliche’ ‘per natura’ e/o per i concetti contenuti acquisibili e riferiti ad essa.

La ricerca si sviluppa attraverso un’ indagine strutturata, sostanzialmente, su tre trattazioni di fondo, a cominciare dal contesto sociale e territoriale in cui Machiavelli si forma culturalmente e politicamente; per passare all’ analisi antologica de Il Principe; e procedere infine sulle orme della celebrità e degli effetti che l’opera ebbe sui re e sulle regine d’Europa. Un’indagine serrata che giunge al culmine nell’analisi dell’operato di Enrico VIII e di Caterina de’ Medici.

Il libro si apre sullo sfondo dei luoghi che fecero della Firenze dell’epoca il giardino della Cultura Rinascimentale: la villa “l’Albergaccio” dove Machiavelli, all’ epoca ambasciatore a servizio dello Stato di Firenze, darà inizio, nel 1513, alla sua opera fondamentale De principatibus. Dalla fitta trama ricostruttiva della personalità machiavellica basata su stringenti documenti storici, l’autore visualizza rapidamente il giardino dei Marchesi Rucellai, presso Santa Maria Novella, dove gli studiosi umanisti si incontravano: «Il giardino esiste ancora: vasto, ombroso, segregato dal mondo esterno per mezzo di un alto muro [...]»; per chiudersi a Trento, con il Concilio che nel 1559 impose l’iscrizione delle opere dell’autore del Principe fra i libri proibiti da parte di papa Paolo IV. «Le opere di Machiavelli che non scandalizzavano la Chiesa di Clemente VII, ora venivano ripudiate dalla rinnovata Chiesa Tridentina».

Il testo è incisivo e sempre diretto agli aspetti tecnici dell’ opera Il Principe, nonché alla dialettica fra società e poteri economici e politici osservati da Macchiavelli, o a lui contemporanei. L’ autore mette in luce la concezione di Stato nazionale in Machiavelli passando in rassegna «[...] i fatti che hanno dimostrato come i principati si conquistano, si consolidano o si perdono usando la violenza, oppure la falsa benevolenza nei riguardi dei sudditi».

Oltre ad essere un’importante testimonianza storica, il libro rappresenta una chiave di lettura per collocare simultaneamente i protagonisti di un’epoca in cui le vicende dei decisori, papi, politici, principi, signori, bancarî e mercanti si palesano trasversalmente ad azioni barbare, incivili, o cospirative, sullo sfondo dell’Umanesimo e della sublime arte di Botticelli, del Ghirlandaio, o di Filippo Lippi, solo per citare alcuni degli artisti chiamati alla corte dei papi, dei Borgia, degli Sforza, dei Medici.

Dei 26 capitoli di cui è formata Il Principe, l’autore ne esamina alcuni, quelli più discussi, dai quali far emergere «[…] le qualità desiderabili che devono essere peculiari del sovrano nell’arte di governare». I valori discussi nel libro interessano in modo particolare ‘la fortuna’, che per Macchiavelli «come la forza misteriosa, in modo capriccioso, guida le vicende degli uomini [...]. La fortuna è donna e, in quanto donna, [...] è amica dei giovani che la sanno dominare». E numerose sono le figure femminili che rappresentano «le qualità desiderabili» e gli interessi del Principe, documentate attraverso vicende caratterizzanti le relazioni familiari e di potere, o le relazioni dirette e/o indirette delle protagoniste con Niccolò Machiavelli. Quelle donne, principesse, consorti, sovrane, feudatarie, parenti di papi e di cardinali, da Caterina Sforza a Caterina de’ Medici, attive nella società politica del Rinascimento, organizzano corti e accademie, governano come reggenti, partecipano alla lotta politica, sono alla testa di piccoli eserciti, a dimostrazione del nesso esistente tra le donne e i ruoli, e i giochi di potere, dell’aristocrazia rinascimentale, al pari degli uomini.

Chiave di lettura di tutte le vicende storiche ricostruite sono le famose parole dell’autore: «Il rapporto tra politica e morale è che devono essere del tutto separate», per dirla secondo la celeberrima e ininterrottamente discussa posizione di Nicolò Macchiavelli.

Marinella Galletti

Paolo Pratesi, Niccolò Machiavelli (1465-1527)
Euro 10
ISBN 88-89203-69-2

Source by ICI_Edizioni


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Princ...tti) 2016