Vignale di Cecilia da “Bacco e Perbacco“

Mercoledì
12:27:34
Aprile
24 2013

Vignale di Cecilia da “Bacco e Perbacco“

View 5.8K

word 856 read time 4 minutes, 16 Seconds

Il fine della degustazione di un vino non è quello di procedere all’identificazione del campione sottoposto ad analisi organolettica, né di descrivere con mirabolanti aggettivi i richiami analogici che promanano dal bevante. Ma, in ultima istanza, è determinare se un prodotto è di qualità, quindi sostanzialmente buono. Cosa importa al bevitore l’essere in grado di riconoscere in senso stretto un vino(vitigno, produttore) se non lo rende capace automaticamente di valutarne l’armonia gustativa da cui dipende tanta parte della sua piacevolezza? Sì, la terra promessa è il dominio del piacere.

E se penso alla piacevolezza, ho compreso nel tempo di quanto sia difficile disgiungerla dall’unicità. Qualunque vino, anche il più umile, se non è riproducibile sarà qualcosa di speciale. Più il vino è vicino al frutto che lo ha generato, più sarà sincero, puro e nel contempo assomiglierà solo a nettari prodotti nello stesso luogo, dalla stessa mano vinificatrice e in una data annata. E non altri. Da cui discende l’assoluta necessità di lasciare che la natura imprima il suo marchio originale e non truccabile sul prodotto finito con interventi enologici ridotti ai minimi termini. Queste argomentazioni introducono perfettamente un’enclave vinicola, i Colli Euganei, una località, Baone, e un produttore, Vignale di Cecilia, che fanno proprio al caso nostro. Stiamo alludendo a giaciture magnificamente esposte a mezzogiorno dagli spalti dei colli del Petrarca, sulle quali insiste un microclima capace di favorire la perfetta maturazione delle uve, momento primo e imprescindibile per la realizzazione di vini fini ed eleganti. Ad una visione enologica rispettosa dell’ambiente facendo ricorso al letame e a preparati biodinamici. Al mancato ricorso a prodotti chimici di qualsivoglia utilità. All’utilizzo di solo rame e zolfo e ad azioni agronomiche meccaniche in vigna. Alla ricerca della semplicità, della freschezza e della franchezza. Peculiarità consueta nel territorio: l’allevamento di piante di Cabernet Sauvignon e Merlot ormai considerabili autoctone dato il loro remoto utilizzo. Stasera Paolo Pallozzi di “Les Caves de Pyrene“, sotto la supervisione di Pier Paolo e Luigi nella cornice assolutamente idonea di “Bacco e Perbacco“, ci presenta a Lucera le creature di Paolo Brunello: Benavides, Còvolo, Passacaglia. A sostenere la beva le preparazioni culinarie del sempre più creativo “chef“ del locale.
Tempo addietro ebbi a definire il vino “musica liquida“ pensando a Gianni Brera che in presenza di nettari appaganti avvertiva compresenze angeliche. Considerando l’arte di Paolo e lo spirito che aleggia nella sua famiglia, posso affermare che di rado sublime partitura fu interpretata così abilmente suonando gli strumenti propri della Natura: l’uva e il genio, al cospetto della divina Provvidenza.

Si comincia con il Benavides 2011 e tutti a chiedersi dove fosse finito il Moscato che pur costituisce il comprimario della Garganega in questo originalissimo blend. Il vino piace e trascina anche se risulta meno schietto del previsto. Forse il prodotto più costruito di Paolo, volutamente modulato su profumi e sapori ammansiti, per quanto sinceri. Col Còvolo 2010 il primo strattone gustativo che issa le sensazioni verso più alte sfere di appagamento. Si sente un frutto intonso e massivo esalare dal cerchio del bicchiere e la beva è saporosa e piena come nelle corde più autentiche di un Merlot prevalente sposato al suo compagno di sempre, il Cabernet. E se in fase retro-olfattiva il vino risulta un po’ corto, ci pensa il successivo campione a rilanciare i sensi: Il Còvolo 2007, in versione Magnum, forse la “star“ della serata. Evoluto quanto basta per sommare alla fruttuosità un corredo terziario di prim’ordine, nell’annata 2007 il Còvolo gioca a fare il grande vino. Rispetto al fratello più giovane infatti ha l’allure aristocratico del bordolese raffinato con il valore aggiunto di fragranze più colorite e afrori più passionali e la bevibilità assicurata dalla vivace acidità. E mentre la sosta nel bevante produce l’insorgenza di sempre nuove nuances olfattive, il vino è già finito. Il Passacaglia 2007 mette l’intento critico un po’ alle corde. Il vino si dispiega intricato e, pur in una complessiva sensazione di piacevolezza, resta tale e rimanda a momenti differiti l’analisi di quest’annata del vino più prestigioso di Vignale di Cecilia. Potenziale grande vino, in parte già godurioso, forse non ancora pervenuto al momento di massima espressività. Per Paolo Brunello e i suoi vini comunque un successo radioso incastonato in uno dei rapporti qualità-prezzo più virtuosi di sempre.

La serata riserva poi un fuori programma: il Comme autrefois di Françoise Bedel.

La memoria riavvolge il suo nastro e ci riporta ai tempi della visita di Delphine Veissiere a Foggia e dell’avventura di “La Flute“. Lo Champagne Comme autrefois di Bedel si conferma prodotto d’alto lignaggio. Se si cercano champagne che risultino cartine tornasole del lavoro dei lieviti, che ne raccontino l’autolisi e il successivo lungo affinamento, questa è la bottiglia giusta. Non stiamo dunque solo sulla spina acido-sapida. Una struttura multidimensionale la sormonta, regalando al gusto persino note rococò a fianco di quelle prevalenti dall’apollinea chiarezza. Una chiusa così avremmo potuto solo vagheggiarla.

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Vignale ...rbacco“
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
from: ladysilvia
by: rosariotiso