Puligny-Montrachet

Martedì
09:05:23
Febbraio
05 2013

Puligny-Montrachet

View 4.4K

word 674 read time 3 minutes, 22 Seconds

I “Bevitori d’Alta quota“ hanno ormai imboccato il sentiero impervio ed esaltante delle grandi degustazioni “ragionate“ alla scoperta dei vini più emozionanti del pianeta. Questa volta è lo champagne ad accendere la beva e a principiare il percorso sensoriale ardito e ad un bianco di razza tocca costituire la meta,l’ultima Thule gustativa della serata. Tre i campioni ai blocchi di partenza nella consueta alcova del wine-bar Cairoli: lo Champagne Brut Nature Les Rachais 2006 di Francis Boulard, lo Champagne Brut Tradition - Grand Cru di Egly-Ouriet e il Puligny-Montrachet 2004 del Domaine de Puligny Montrachet. Francis Boulard e sua figlia Delphine elaborano ormai da tempo degli “Champagne de vigneron“ di grande personalità. Orientati con pieno coinvolgimento fisico e spirituale verso la viticoltura biologica e biodinamica, i Boulard producono vini dalla grande personalità olfattiva e dall’intrigante trama gustativa. In una luminescente veste aurea,il nettare sciaborda nel bevante con una certa vivacità di spuma che si risolve presto in discrete catenelle di fine perlage. Morbido e carnoso,eppure sapido e minerale,sorprende per la rotondità e la carezza felpata del tocco nonostante l’assenza di dosaggio. L’acidità in punta e la fruttuosità montante,man mano che il calore la stana,sono ulteriori stimoli saporiferi che dilatano la persistenza gusto-olfattiva. Non si poteva cominciare meglio.
A seguire lo champagne di Egly Ouriet. Francis Egly è il mago del Pinot .Sia col Nero che col Meunier ha fatto grandi cose. Col Brut Tradition Grand Cru ci fa godere con la fragranza dei lieviti e i sentori di brioche,col frutto che lentamente si palesa,con la vaniglia che si evince e con ricordi agrumati ed esotici finissimi che si dipanano durante la degustazione. Brillante e luminoso,persistente ed elegante,sciorina freschezza e continui ritorni minerali. E il calore dei gessi della Montagne de Reims è tutto in questa beva. Sontuoso.
E dopo tante analisi e parole ci attende una frusciante emozione nel puro piacere edonistico e conviviale gravido di storia e di alto lignaggio di uno chardonnay borgognone. Il Domaine Du Château de Puligny -Montrachet è stato proprietà del Credit Foncier dal 1989. Ma la conduzione tecnica dei vigneti e della vinificazione è stata affidata sin dal principio all’estro di Etienne De Montille. Poi la proprietà è passata ai De Montille e adesso l’azienda è nelle valenti mani di Etienne. E’ inutile dire quanta serietà e perizia sono riversate in questo lavoro dal figlio di Hubert. Chi lo ha visto in azione nel film di Jonathan Nossiter “Mondovino“ sa che l’approccio di Etienne alla vite è tanto sacrale quanto rigorosissimo. Indimenticabile la lezione di qualità impartita ai suoi lavoranti impegnati in vigna. Constatata la gran quantità di grappoli rimasti appesi alle viti e illesi perché sfuggiti alla cesoia,Etienne redarguì gli addetti per aver congiurato contro l’ottenimento di una maggiore qualità. Essa infatti passa solo attraverso le basse rese per ceppo:solo pochi grappoli per pianta devono suggere linfa dal terreno e spartirsi minerali e umori disponibili. Il suo Puligny - Montrachet è stupendamente archetipico. Alla cieca molti avrebbero sulle prime pensato ad un riesling della Mosella,tale è il profluvio di note iodate e minerali che promana dal cerchio del bicchiere. Ma la conduzione esemplare del vigneto ci racconta il profilo del benedetto terroir di Puligny senza infingimenti: grassa e opulenta la trama;lieve ed elegante l’ordito. Grande classe per un frutto intonso e solo brevemente percorso da ricordi di una velata ossidazione che in realtà non sussiste ma è una sorta di traboccamento di sapidità . Questa è la souplesse dei grandi vini francesi :per essere degli astri organolettici sulle prime strabiliano;poi non si accontentano e finiscono per sedurre,a volte per sempre. Noblesse oblige. E a noi,poveri,comuni,appassionati bevitori non resta che soggiacere ad un fato che ha predisposto ancora una volta l’estasi e il tripudio dei sensi in un crescendo che ci ha condotti,fra pulsioni carnali e slanci spirituali, fino alle estreme propaggini del gusto.

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Puligny-Montrachet
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
05 feb 2013
Puligny-Montrachet