Banda Ultra Larga: Monza prima città in Italia a sperimentare questa tecnologia

Lunedì
15:14:27
Settembre
05 2011

Banda Ultra Larga: Monza prima città in Italia a sperimentare questa tecnologia

Da settembre avvio del cablaggio della rete a fibre ottiche. Con Monza Hi CON entro due anni Internet ultraveloce su tutto il territorio

View 2.6K

word 853 read time 4 minutes, 15 Seconds

Monza Città HI CON: Grazie al cablaggio a fibre ottiche. Sarà Banda Ultra Larga in tutte le singole unità abitative.

Monza sarà la prima città in Italia a sperimentare Internet ultraveloce nelle singole unità abitative grazie al progetto di cablaggio completo della città. Lavvio dei lavori è previsto per questo mese di ottobre con la posa dei primi cavi a fibra ottica della banda ultralarga per assicurare nel giro di un paio di anni trasmissioni dati velocissime via Internet eliminando limbuto costituito dal "doppino in rame” che di fatto rallentava la trasmissione dei dati nellultimo tratto. Dora in avanti i bit viaggeranno a una velocità costante dalla fibra ottica nel sottosuolo fino al computer di casa e degli uffici.

La terza città della Lombardia, Regione leader in questo settore, vuole marciare al passo con i tempi e, pensando al futuro sviluppo dei servizi e delle imprese, adegua la sua rete grazie ai fondi strutturali previsti dalla Regione Lombardia con la Cassa Depositi e Prestiti e il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico.

"Una città come Monza – afferma il Sindaco Marco Mariani - che è sempre stata allavanguardia in vari settori proponendosi come Capoluogo di una delle aree sistema più avanzate dEuropa, non può non rimanere al passo con i tempi operando le necessarie scelte tecnologiche in prospettiva futura. Oggi Internet è diventato a tutti i livelli un irrinunciabile strumento di lavoro, non solo di comunicazione. Il Comune di Monza già da tempo offre numerosi servizi ai cittadini attraverso la rete. Il futuro sviluppo di tutte le attività imprenditoriali passa anche attraverso il potenziamento della velocità di trasmissione dei dati. Il progetto di cablaggio che coinvolgerà progressivamente tutta la città guarda già ad una Monza proiettata nei prossimi decenni.
E certamente motivo di orgoglio essere oggi la prima città in Italia ad avviare una sperimentazione importante per lo sviluppo economico”.

"Una volta erano le strade che collegavano le città e mettevano in connessione gli uomini, oggi la comunicazione, le attività lavorative e le relazioni avvengono soprattutto attraverso le grandi vie informatiche. Per questo Monza – afferma lAssessore Cesare Boneschi che ha delega proprio sulla città cablata – si è subito attivata per essere tra le prime città della Lombardia e quindi dItalia a presentare un progetto di cablaggio della rete per

implementare uno strumento indispensabile per lo sviluppo economico. Abbiamo pensato di dare subito il via alla sperimentazione accelerando i tempi anche perché riteniamo le nuove tecnologie basilari per combattere la crisi economica.
La prima fase del progetto riguarderà un migliaio di famiglie monzesi residenti nella zona dellospedale nuovo. Abbiamo scelto questarea per due motivi: il primo di carattere pratico, in quanto il quartiere è già servito dai cavidotti messi in opera con la posa del teleriscaldamento, evitando così nuovi interventi sulle strade.
Le uniche opere che verranno effettuate sono quelle cosiddette di "mini-dig”, ovvero piccoli fori con rotture limitate a pochi centimetri che di fatto porteranno i connettori della rete ottica fin sotto casa. Il secondo motivo è di carattere politico: compensare i disagi patiti dai cittadini residenti proprio dalla posa del teleriscaldamento. Anche per questo prevediamo in questa prima fase di offrire gratuitamente per un anno e mezzo il collegamento alla banda ultraveloce, previo accordo con i vari gestori”.

Costo previsto per questo primo intervento: 800mila euro; mentre il costo complessivo della rete cittadina si aggirerà intorno ai 30 milioni di euro. Terminata la fase sperimentale, dal 2012 si entrerà nella fase realizzativa del cablaggio su scala cittadina che porterà ogni abitazione a connettersi alla banda ultralarga in grado di arrivare a trasmettere a velocità garantita di 300 Mb con la possibilità di arrivare fino ad un 1 Gb al secondo dagli attuali 100 Mb nominali massimi.

Con Internet ultraveloce su banda larga a fibra ottica si potranno avere tutta una serie di servizi presso la propria abitazione o azienda, dalla telemedicina al telecontrollo medico, dalla telesorveglianza allassistenza a distanza, dalla trasmissione dati tra imprese ai servizi della Pubblica Amministrazione.

"Addirittura – sottolinea lAssessore Boneschi – sarà possibile ricevere gli esiti di esami medici anche radiografici a casa, così come tutte le pratiche per ottenere le autorizzazioni edilizie con tanto di progetti allegati che potranno essere inviati via Internet, con la posta certificata. Oggi è già possibile trasmettere una radiografia tramite la rete ma ci vuole molto tempo. Sarà anche possibile lo sviluppo del telelavoro, con una sorta di ufficio a domicilio permettendo alle aziende un risparmio sulle eventuali sedi decentrate. Va detto che, a differenza dello switch off televisivo dallanalogico al digitale, in questo caso non ci sarà alcun "spegnimento” per passare da una rete allaltra. Ci saranno invece molti vantaggi nella quotidianità: pensiamo al tempo che impieghiamo oggi per scaricare un album musicale da Internet o per inviare immagini "pesanti”. Tutte le informazioni marceranno con una velocità tale che lintera trilogia del "Signore degli anelli” potrà essere scaricata in poco più di un minuto. Le attività a distanza vivranno una nuova era anche a Monza”.

Source by Comune_di_Monza


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Banda Ul...ecnologia
from: ladysilvia
by: Greenpeace