Dopo “caso Cucchi” De Pierro rilancia test psicoattitudinali periodici per forze di polizia

Lunedì
00:48:40
Novembre
09 2009

Dopo “caso Cucchi” De Pierro rilancia test psicoattitudinali periodici per forze di polizia

Il presidente dell’Italia dei Diritti: “In uno Stato di diritto è inammissibile che un ragazzo, trovato con venti grammi di hashish, debba morire in questo modo brutale, quando poi ci sono personaggi in Parlamento che si macchiano di crimini ben più gravi”

View 135.1K

word 570 read time 2 minutes, 51 Seconds

Roma " La vicenda di Stefano Cucchi, sulla quale l’Italia dei Diritti offre piena disponibilità affinchè emerga chiaramente la verità della tragedia, getta numerosi sospetti sulle forze dell’ordine che, dal momento dell’arresto a quello della morte, hanno avuto in custodia il ragazzo. Il “caso Cucchi” riporta d’attualità la proposta, lanciata solo alcuni mesi fa dal movimento a tutela dei cittadini, di sottoporre gli appartenenti alle forze dell’ordine a test psicoattitudinali almeno ogni cinque anni, soprattutto in considerazione del gravoso incarico di responsabilità e delle notevoli pressioni psicologiche a cui sono costretti.

“Non è pensabile " dice il presidente Antonello De Pierro " che un individuo venga arruolato e sottoposto a prove di valutazione soltanto a inizio carriera, e poi per il resto della sua vita professionale continui ad esercitare il suo delicato incarico senza altri controlli, salvo eccezioni. Trovo inqualificabile il fatto che un tutore dell’ordine non subisca alcuna verifica psichica per circa quarant’anni di servizio. Sull’episodio del giovane ragazzo romano lasciamo che la Magistratura faccia il suo lavoro, ma se fosse vero il pestaggio perpetrato ai suoi danni da rappresentanti delle forze di polizia, allora ci troveremmo di fronte a persone che non hanno una psiche del tutto sana. In uno Stato di diritto è inammissibile che un ragazzo, trovato con venti grammi di hashish, debba morire in questo modo brutale, quando poi ci sono personaggi che si macchiano di crimini ben più gravi, come truffa allo Stato, corruzione, concussione e siedono bellamente tra gli scranni del Parlamento o di altre istituzioni. Perciò, ribadiamo con forza la nostra proposta delle prove psicoattitudinali a scadenza quinquennale”.

Altro tema rilevante sollevato dal numero uno dell’Italia dei Diritti è quello del mobbing tra i rappresentanti delle forze di polizia, un fenomeno piuttosto diffuso, sebbene spesso sottaciuto e proprio per questo ancor più preoccupante: “Un motivo in più per cui noi richiediamo questi test " osserva De Pierro " è perché spesso gli operatori di polizia vengono perseguitati e vessati sul lavoro, subendo mobbing. Servono, quindi, accertamenti periodici per tagliare alla radice il problema. Non è da escludersi, infatti, che i maltrattamenti eventualmente subiti da Cucchi siano attribuibili a gente che era mentalmente instabile perché a sua volta vessata da altri. I test psicoattitudinali sarebbero utili anche per individuare sia il mobber sia il mobbizzato, salvaguardando tutti, considerato che pure chi esercita mobbing può avere grandi disturbi psichici e tratti di personalità non consoni al ruolo che svolge”.

Infine, da segnalazioni giunte all’Italia dei Diritti si è riscontrato il caso, già portato alla luce tempo fa, di un ispettore capo della Polizia di Stato, che presta servizio in un reparto ubicato in un’area a sud-est di Roma, dotato di una eccellente preparazione, a tal punto da ricoprire le qualifiche di istruttore di tiro e di direttore di tiro, che però avrebbe sempre lavorato in ufficio senza svolgere un solo giorno di servizio in strada. Risulta che questo poliziotto, per altro a capo dell’ufficio del personale, per anni avrebbe messo in atto clamorosi comportamenti persecutori ai danni di alcuni subordinati, atteggiamenti sui quali si auspica venga fatta chiarezza.

Source by italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Dopo “... polizia