DISSERVIZI POSTALI CHI PAGA E’ SEMPRE IL CITTADINO

Mercoledì
16:00:25
Maggio
20 2009

DISSERVIZI POSTALI CHI PAGA E’ SEMPRE IL CITTADINO

Il componente del Dipartimento Tematico Nazionale di Italia dei Valori Giovanni D’AGATA recependo le proteste della cittadinanza denuncia disservizi nel recapito della posta

View 133.2K

word 854 read time 4 minutes, 16 Seconds

Il componente del Dipartimento Tematico Nazionale di Italia dei Valori Giovanni DAGATA recependo le proteste della cittadinanza, denuncia disservizi nel recapito della posta. La denuncia non riguarda un semplice disguido temporaneo, bensì un costante ritardo nella consegna della corrispondenza a famiglie ed imprese a causa dei tagli imposti agli uffici postali sul territorio che determinano sovraccarichi e giacenze.


Nel rione Castromediano, da oltre venti giorni il mancato recapito della corrispondenza da parte di Poste Italiane comporta enormi disagi ai cittadini.


Nonostante il grande impegno degli operatori sul territorio e degli impiegati presso gli sportelli gli uffici postali sono letteralmente avviati al collasso con gravissimi disagi per tutta la cittadinanza, che riceve lettere, avvisi, bollette e quantaltro con ritardi che possono creare problemi legali e rischi di perdita della corrispondenza nella confusione che si va creando. Una confusione ed intasamento che non potranno assolutamente essere smaltiti se non in tempi lunghi e con disagi sempre più estesi.


Di fronte ad un quadro così disastroso si rende urgente lassunzione o linvio, da parte della Direzione delle Poste, di personale (anche solo temporaneo ma in numero massiccio) che aiuti a smaltire la corrispondenza in eccesso che andrà ad aumentare inesorabilmente fino a dilatare i tempi di consegna della corrispondenza che già oggi porta nelle case bollette ed avvisi scaduti anche da tre settimane! Essendo un servizio che i contribuenti pagano non si riesce a capire per quale ragione il problema non dovrebbe essere affrontato e risolto in maniera decisa, evitando che il passare dei giorni produca danni sempre maggiori. La mancata consegna della corrispondenza comporta problemi. Infatti non è difficile immaginare cosa può comportare ad una bolletta dellenergia elettrica, del gas, dellacqua, del telefono, una rata di un prestito o di mutuo che venga recapitata al cliente in ritardo, oltre alla scadenza prevista per il pagamento. A tal punto, lutente vede addebitarsi gli interessi di mora per non aver rispettato la scadenza.


Tra le lettere ricevute ne segnalo una per tutte per sintetizzare meglio il disagio:


Ti scrivo per comunicarti un disservizio davvero incredibile delle Poste leccesi.


Da più di tre settimane noi non riceviamo posta. È sicuro che la posta non viene consegnata nella mia strada e in quelle vicine e credo che tale disservizio riguardi l’intero Rione Castromediano. Abbiamo contattato l’Ufficio Postale di Cavallino e (due settimane fa) ci hanno detto che il lunedì successivo (io ho chiamato di giovedì) il servizio si sarebbe normalizzato. Ad oggi ancora nulla. Richiamato oggi il suddetto Ufficio Postale, mi hanno detto che la posta del Rione viene ora smistata a Lecce dove una unica povera e sola postina sta proveddendo a gestirne la consegna. Mi comunicano il numero dell’Ufficio centrale a Lecce in cui mi dicono che il problema è stato risolto e che da due settimane la posta arriva regolarmente tranne nelle case dove non vi è la cassetta delle lettere o il nome sul campanello. Peccato che noi abbiamo entrambe le cose e che la posta comunque non arrivi.


Il fatto è che le poste sono sotto organico e a Cavallino non c'è un postino che possa consegnare la nostra posta.


Ritenendo che sia un atteggiamento inqualificabile non dare spiegazioni alla cosa e, soprattutto, che un servizio PRIVATO funzioni in questo modo, vorrei sapere in che modo possiamo agire per far valere i nostri diritti. Alla mia vicina che si è lamentata direttamente all’Ufficio Postale è stato anche detto che molta della posta da recapitare si è persa. Naturalmente senza che nessuno possa pretendere niente come risarcimento. Chi attendeva comunicazioni importanti non è a conoscenza di quando e se verranno recapitate. Il regolamento prevede che si possa fare un reclamo diretto alle Poste Italiane ma avendone fatti giuà altri, è certo che non risolveremmo nulla. Cosa possiamo fare? Io vorrei anche che se ne interessasse un giornalista e ho scritto al quotidiano. Puoi fornirmi ulteriori informazioni al riguardo? ".


Come può difendersi il consumatore in tali situazioni ? In caso di addebito di interessi di mora può ricorrere alla conciliazione ma non è sempre lesito è favorevole, può richiedere laddebito delle utenze sul conto corrente o in prossimità della scadenza telefonare ai call center delle società erogatrici e farsi comunicare gli estremi della bolletta (numero, data, importo, scadenza) e pagare a mezzo bollettino postale non premarcato oppure, richiedere al postino (che può rifiutarsi) di farsi apporre sulla busta una attestazione della data di consegna della bolletta al fine, di poter richiedere alla società erogatrice un differimento del pagamento e quindi la cancellazione degli interessi di mora. Lutente, comunque ha il diritto di conoscere le date dinvio e di arrivo della corrispondenza al fine di poter risalire al responsabile del disguido - posta o emittente della fattura.


In conclusione, trattandosi di una vera emergenza di carattere sociale, il componente del Dipartimento Tematico Nazionale di Italia dei Valori Giovanni DAGATA spera che i vertici della società Poste Italiane intervengano per risolvere questo delicato argomento che ha creato notevoli problemi agli utenti.


Lecce, 20 maggio 2009

Source by Giovanni_D’Agata


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / DISSERVI...CITTADINO