Calcio: in Italia, conoscere l’assassino dopo sei giornate uccide l’interesse

Giovedì
14:08:48
Novembre
22 2007

Calcio: in Italia, conoscere l’assassino dopo sei giornate uccide l’interesse

di Fabrizio Montanari, collaboratore dell’Area organizzazione e personale della Sda Bocconi e ricercatore presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

View 134.5K

word 775 read time 3 minutes, 52 Seconds

Milano: Bocconi; Come un buon giallo appassiona il lettore svelando la soluzione solo alla fine, così un campionato di calcio attira l’attenzione degli appassionati quanto più è combattuto. Se l’anno scorso il vincitore della Liga spagnola è emerso solo al termine dei 90 minuti finali, in Italia la situazione è stata molto differente. Non solo l’Inter aveva lo scudetto in tasca fin da gennaio, ma quasi tutti gli altri verdetti sportivi (retrocessioni in Serie B, posti Uefa, ecc.) erano noti ben prima della fine.

Come un buon giallo appassiona il lettore svelando la soluzione solo alla fine, così un campionato di calcio attira l’attenzione degli appassionati quanto più è combattuto. Se l’anno scorso il vincitore della Liga spagnola è emerso solo al termine dei 90 minuti finali, in Italia la situazione è stata molto differente. Non solo l’Inter aveva lo scudetto in tasca fin da gennaio, ma quasi tutti gli altri verdetti sportivi (retrocessioni in Serie B, posti Uefa, ecc.) erano noti ben prima della fine.
È stato un effetto dell’affaire Moggi, oppure è una tendenza comune alle ultime stagioni? In altri termini, il campionato di calcio italiano presenta un minore equilibrio competitivo rispetto agli altri maggiori campionati europei?

Se si utilizza l’indice di Gini (che, compreso tra 0 e 1, misura la concentrazione di una variabile) per analizzare la distribuzione dei punti tra le squadre, è possibile notare come nelle ultime sette stagioni questa sia stata più concentrata nel nostro campionato che in quello tedesco, spagnolo e inglese e come in Italia ci sia stato un maggiore divario tra poche squadre forti e molte squadre deboli.

Il minore equilibrio competitivo sembra riguardare le squadre che competono per lo scudetto: se si distingue tra le squadre della metà alta della classifica e quelle della metà bassa, si nota come la lotta per non retrocedere in B sia più combattuta rispetto a quella per lo scudetto (0,09 contro 0,12). Se si paragona, inoltre, la metà nobile della classifica a livello europeo, la concentrazione dei punti in Serie A risulta essere nettamente superiore, in modo ancora più netto rispetto alla classifica complessiva.

Questi dati inducono a pensare che la Serie A presenti un livellamento verso il basso: la lotta per lo scudetto è diventata esclusiva di pochi club in grado di competere con successo anche in Europa, mentre il livello medio delle squadre italiane è più basso rispetto a quello europeo (come testimoniano anche il fatto che nessun team italiano abbia vinto la coppa Uefa negli ultimi otto anni).

Il deficit competitivo è cresciuto negli ultimi anni, anche a causa delle nuove norme relative alla cessione dei diritti televisivi, che hanno ulteriormente ampliato il divario nella disponibilità dei mezzi finanziari. Negli ultimi anni sembra essersi creato un circolo vizioso in cui i divari sportivi ed economici si alimentano a vicenda, portando però a alcune potenziali conseguenze negative quali la perdita di interesse per partite dal risultato sempre più scontato e una riduzione delle risorse che possono affluire nell’industria calcio. Tale perdita di interesse sembra essere in parte già avvenuta, come testimonia il calo degli ascolti di molte trasmissioni televisive e la riduzione dei biglietti venduti (a partire dalla stagione 2001-02, la media degli spettatori negli stadi italiani è la più bassa tra i quattro maggiori campionati europei). Sicuramente a questo calo possono aver contribuito altri fattori quali le scarse condizioni di sicurezza degli stadi o l’assenza di alcune piazze storiche (Napoli, Genoa). Tuttavia, lo scarso equilibrio competitivo può giocare un ruolo importante e pertanto dovrebbe essere oggetto di una seria riflessione che permetta di introdurre regole per favorire maggiore equilibrio tra le squadre e stimolare un maggiore interesse negli spettatori.

Possibili soluzioni? L’introduzione dei play off, sul modello degli sport professionistici americani, di un salary cap che uniformi le spese delle società negli stipendi dei calciatori, oppure di alcuni meccanismi di redistribuzione dei proventi dai grandi ai piccoli club.

Una riflessione di questo tipo deve essere però fatta anche a livello europeo: se fosse introdotto un salary cap solo in Italia, i club italiani potrebbero perdere competitività nelle coppe europee. Tuttavia, se non si fa nulla è prevedibile che la situazione italiana arrivi a un punto di non ritorno e che un possibile esito sia la nascita di un super-campionato europeo sul modello della Champions League e di campionati nazionali privi delle squadre più forti.

Ciò renderebbe meno prestigiosa la Serie A, ma forse sarebbe meglio di un campionato in cui si conosce il nome dell’assassino dopo sei giornate.

Source by Flashsport


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Calcio: ...interesse
from: ladysilvia
by: Greenpeace